Emergenza pressione bassa: i 10 alimenti migliori per alzare la pressione bassa

Si tratta di ipotensione o pressione bassa, quando viene riscontrato un valore eccessivamente basso della pressione sanguigna. I valori normali di un adulto sono compresi tra 115 e 120 mmHg per la massima e tra 75 e 80 mmHg per la minima. Quando è inferiore a 90/60 mmHg si tratta di ipotensione.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Una delle cause principali che provoca la pressione bassa è sicuramente il caldo eccessivo, soprattutto in estate. Può succedere anche un abbassamento degli zuccheri nel sangue. Alcuni alimenti sono molto utili per contrastare questo l’abbassamento.

I sintomi più frequenti di questa patologia sono giramenti di testa, spossatezza, stanchezza, debolezza, fatica a concentrarsi, vista annebbiata. Può provare anche svenimento e vomito.

Ecco i 10 alimenti per alzare la pressione

I migliori 10 alimenti sono:

  • Il caffè favorisce l’attività del muscolo cardiaco, innalzando la pressione arteriosa e aumentando l’ossigeno nel sangue;
  • Il sale grazie alle sue proprietà aiuta ad alzare i valori della pressione, ma ovviamente non bisogna esagerare;
  • Fa bene anche la frutta secca, soprattutto noci e mandorle;
  • Le alghe ricche di proteine, sali minerali e vitamine sono ottime per contrastarla;
  • Il tè verde è ricco di antiossidanti e di regolatori e contribuisce a bilanciare i livelli degli zuccheri nel sangue;
  • Il cioccolato fondente grazie alla presenza di flavonoidi, fa sì che le pareti delle arterie si mantengano flessibili;
  • La banana che contiene molto potassio, ha un ruolo equilibrante e regolatore per il nostro organismo;
  • La liquirizia tra i suoi innumerevoli effetti, riesce ad aumentare la pressione arteriosa;
  • La patata contiene molto potassio che regola la pressione del sangue;
  • Sono utili anche le verdure a foglia verde, meglio se cruda, come broccoli e spinaci.

È consigliato comunque di rivolgersi ad uno specialista che vi potrà aiutare a scegliere una dieta equilibrata, ricca di sali minerali, vitamine e soprattutto molta acqua.

Inoltre, si può fare anche uso di integratori alimentari.