Febbre alta: ecco cosa fare subito per abbassarla

La febbre è uno dei sintomi di un’alterazione nelle funzioni del nostro organismo. La causa più comune è un’aggressione da parte di agenti patogeni esterni.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Febbre alta: ecco cosa fare subito per abbassarla

Per abbassare la temperatura è importante l’idratazione che consente di ripristinare l’equilibrio idrico-salino, inoltre, aiuta anche a ridurre i sintomi influenzali come mal di testa, spossatezza e dolori muscolari. Per cercare di non disidratarti è importante bere molta acqua, spremute, succhi di frutta, latte e miele, tisane e infusi.

Bisogna rimanere a riposo così da far aumentare le difese immunitarie.

Per contrastare subito la febbre si possono applicare impacchi freddi su polsi, fronte e caviglie. Sono utili anche impacchi tiepidi, cosi l’evaporazione dell’acqua sulla superficie corporea fa disperdere calore.

É meglio vestirsi in modo leggero e traspirante, permettendo alla febbre di abbassarsi.

Inoltre, l’ambiente non deve essere troppo caldo. L’ambiente troppo caldo può portare anche all’aumento della febbre e dei sintomi influenzali.

Per cercare di abbassare la temperatura si possono usare anche delle piante che grazie alle loro proprietà, aiutano ad abbassare la febbre. Tra queste erbe troviamo la camomilla, la menta, il tiglio, l’eucalipto e la genziana. Favoriscono infatti la sudorazione e quindi l’abbassamento della temperatura.

Cosa mangiare e non mangiare con la febbre

Quando la febbre è ancora alta, oltre a infusi e tisane, si consiglia un’alimentazione quasi liquida come omogeneizzati, passati di verdura, purea di vegetali, minestre, brodo di pollo o vegetale.

Per poi passare di nuovo a cibi solidi ma in piccole quantità.

Bisogna mangiare anche tanta frutta e verdura ricca di vitamina C ed E per reintegrare la perdita di sali minerali.

Gli alimenti da evitare invece sono quelli con molto zucchero e poche vitamine e sali minerali utili. Anche la carne rossa, i salumi e il pesce va evitato perché sono difficile da digerire.