Cinque consigli per far arrivare le rose all’estate: ecco cosa fare

Le rose sono uno dei fiori più popolari in primavera. Con i suoi vari colori, illumina e rallegra i balconi, i giardini o i terrazzi.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Quando si coltiva una cosa, si cerca sempre di farla durare più al lungo possibile. Oggi vi svegliamo cinque trucchetti utili per avere rose rigorose e durature.

Cinque consigli per far arrivare le rose all’estate: ecco cosa fare

1. Posizione delle rose 

La rosa ha bisogno di molto sole, almeno 6 ore al giorno. Odia però il caldo molto forte che potrebbe danneggiare la pianta seccandola. Quindi va posizionata in un posto soleggiato ma non troppo.

2. Terreno da utilizzare 

Il terreno ideale per la rosa deve essere acido tra 6.5 e 7. Deve essere argilloso, fertile e drenato. Ovviamente non ci devono essere ristagni idrici. Si può anche aggiungere al terreno della ghiaia, argilla, espansa e sabbia. Inoltre, per mantenere il terreno umido si può fare una pacciamatura di corteccia, lapillo vulcanico, argilla espansa, erba secca.

3. Concimazione

Per concimare la rosa è meglio utilizzare dei fertilizzanti naturali come lo stallatico equino, compost, guano o letame bovino. Ma se si vogliono comunque utilizzare dei prodotti chimici i migliori sono i fertilizzanti granulari a lento rilascio e ad alto contenuto di fosforo, azoto e potassio che vanno aggiunti dopo aver potato la pianta in inverno.

4. Annaffiatura

Le rose devono essere annaffiate circa due volte a settimana ma in estate si deve bagnate di più, circa 3 o 4 alla settimana. Quando si innaffia la pianta, l’acqua non deve mai toccare le foglie o i fiori perché potrebbe causare delle malattie. L’acqua inoltre deve arrivare in profondità ma senza esagerare.

5. Potatura

Come ultima cosa da fare per avere una pianta rigorosa è la potatura, che va fatta prima del periodo vegetativo che inizia a gennaio-febbraio. Con la potatura si devono tagliare i rami secchi, vecchi, sottili e deformi per far crescere i nuovi. Serve per regolare la forma e controllare lo sviluppo della pianta, infatti è meglio avere pochi fiori, grandi e belli, che piccoli fiori.

Ogni tipo di rosa va potato in maniera diversa, quindi per non commettere qualche errore è meglio informarsi prima sul tipo di pianta che possediamo.