Non li pulisce nessuno: ecco gli oggetti con i quali stiamo sempre a contatto

Tutti i giorni stiamo a contatto con oggetti davvero sporchi ma siamo talmente abituati ad usarli che non ce ne rendiamo conto.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Le regole dell’igiene quotidiana, soprattutto in questo periodo, ci ricordano che è bene lavarsi le mani spesso sopratutto quando si esce. Le scarpe e i vestiti che usciamo in casa devono essere diversi rispetto a quelli che usiamo per uscire.

Non li pulisce nessuno: ecco gli oggetti con i quali stiamo sempre a contatto

Carrello della spesa

Uno degli oggetti più sporchi in assoluto è il carrello della spesa. La maniglia del carrello per fare la spesa è usato da molte persone e ma non viene mai pulito. Questo comporta uno scambio di sudore e batteri tra diversi clienti del supermercato.

Vasca da bagno

Anche la vasca è molto sporca. Quando ci si fa il bagno nella vasca, poi ci dobbiamo ricordare di pulirla bene perché le cellule morte e lo sporco si depositano sulle superfici.

Telefono

Anche il telefono è uno degli oggetti più sporchi che usiamo spesso. I batteri si depositano sullo schermo attraverso le mani. Anche quando parliamo al telefono, per chi è truccato, trasferisce tutto il trucco sul telefono. Quando usciamo il telefono è inevitabile poi toccare la faccia.

Tastiera del computer

La tastiera del computer è piena di batteri. Contiene infatti, tutti i residui di polvere e sporcizia che attraverso le mani sulle si depositano tra i tasti. Per pulire la tastiera esistono delle bombolette di aria compressa.

Telecomando

Come la tastiera del computer, anche il telecomando è pieno di batteri. Infatti tra i bottoni si nascondono un sacco di batteri e polvere e non ce ne rendiamo conto. Per pulirlo, si può passare tra i tasti un cotton fioc imbevuto di alcool.

Porta spazzolino

Spesso non lasciamo il nostro spazzolino in giro per il bagno ma lo riponiamo in un porta spazzolino, per proteggerlo dai batteri. Non molti sanno però che è proprio nel fondo del porta spazzolino che  si annidano batteri, che possono essere anche abbastanza pericolosi, a causa del ristagno dell’acqua e dei residui di dentifricio.