Quando si sta male si mangia spesso la pastina, ma siamo sicuri che faccia bene? Ecco tutta la verità

Quando si è malati é solito mangiare la pastina con il brodo. Si può definire una sorta di tradizione, infatti anche quando eravamo piccoli, le nostre mamme o i nostri papà ci preparavamo un buonissimo brodo per farci riprendere dal malanno.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Come si prepara il brodo

Il brodo vegetale si ottiene facendo bollire nell’acqua gli ortaggi di stagione. Gli ortaggi rilasciamo tutte le proprietà nutritive nell’acqua e quindi rendono il brodo molto salutare. Tipicamente si usano le carote che sono degli ottimi antiossidanti, il sedano che ha proprietà depurative, il prezzemolo è un digestivo, la cipolla è un antibiotico naturale e le patate sono fonte di potassio e vitamine. Inoltre, al brodo si può aggiungere anche la carne.

È ottimo anche per le diete, perché non contiene grassi, favorisce la diuresi e combatte la ritenzione idrica e la cellulite.

Inoltre, abbassa anche il rischio di obesità perché contrasta la formazione di grasso addominale, pericoloso per il cuore e le arterie. Aumenta anche i livelli di colesterolo buono e mantiene equilibrati i livelli di insulina e glicemia.

Quando si sta male si mangia spesso la pastina, ma siamo sicuri che faccia bene? Ecco tutta la verità

Si possono aggiungere anche alcune spezie per migliorare il sapore come aglio, peperoncino, cannella o paprika che hanno proprietà depurative, diuretiche, antibronchiali utili soprattutto in caso di febbre, tosse o raffreddore. Inoltre il brodo tende a riscaldare e tonificare il corpo.

In conclusione, possiamo dire che il brodo è davvero un toccasana in generale, ma soprattutto quando siamo malati. È meglio però prepararlo in casa, non solo perché è più salutare di quelli già fatti ma è utile sapere anche cosa c’è dentro per gli intolleranti o gli allergici a determinati alimenti.  Inoltre, il brodo fatto in casa non contiene conservanti e
aggiunti. Quello confezionato non contiene neanche tutte le proprietà nutritive di quello fatto in casa.