Ciclamini sfioriti: ecco cosa fare e come comportarsi

Il ciclamino è considerata una pianta autunnale. I ciclamini devono essere conservati nel modo giusto sennò si rischia di farli morire.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

È un genere di piante spermatofite dicotiledoni appartenenti alla famiglia delle Primulaceae. È originaria dell’area Mediterranea, dell’Africa e della zona asiatica ed è una pianta autunnale che se curata bene, può fiorire fino a primavera.

La semina di questa pianta va fatta tra i mesi di luglio e settembre. Serve un vaso rettangolare o in un semenzaio. Si può aggiungere al terriccio anche un poco di sabbia. Per far crescere bene il germoglio è opportuno rivestire la pianta con una plastica trasparente. E dopo un mese inizieranno ad uscire i primi germogli che poi dovranno essere messi in un altro vaso. Ha bisogno di una zona non molto soleggiata. E si può aggiungere al terreno anche del concime, come letame o del compost.

Ciclamini sfioriti: ecco cosa fare e come comportarsi

I ciclamini quando sono sfioriti vanno in riposo vegetativo da febbraio in cui le foglie, dopo essersi ingiallite inizieranno a cadere.

I ciclamini sfioriti vanno messi in una zona del terrazzo fresca ma non fredda, deve essere abbastanza luminosa ma non deve essere assolutamente esposta ai raggi diretti del sole. Il terriccio deve essere umido, ma non troppo. Se il terriccio è asciutto, bagnare il terriccio dal bordo del vaso evitando che l’acqua resti sulle foglie. Sul vaso si può fare anche una piccola pacciamatura con aghi di pino o corteccia che può aiutare i tuberi a combattere il processo di disidratazione estiva.

Alla fine dell’inverno, ogni due o tre anni, è necessario rinvasare il ciclamino poiché le radici possono essere cresciute e quindi è necessario rinvasare la pianta per farla crescere bene. Può darsi anche che il terreno si è impoverito e non ha più sostanze nutrizionali per farla crescere.

Il fondo del vaso inoltre deve essere coperto da uno strato di ghiaia o argilla espansa per un’altezza di 3-4 cm che garantiscano un adeguato drenaggio alla pianta. Il vaso deve essere riempito con un quarto di sabbia, un quarto di torba e due quarti di terriccio da giardino.