Svelati gli ingredienti e scarti alimentari per creare il fertilizzante perfetto

Il fertilizzante è un composto che contiene tutte le sostanze nutritive utili per far crescere bene la pianta. Si può trovare a base di potassio, zolfo, calcio o altri sali minerali. Il terreno deve essere sempre fertile in modo da fornire le sostanze di cui la pianta necessita per svilupparsi.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Il fertilizzante serve per concimare, cioè immettere nel terreno gli elementi per far crescere i vegetali. Ha anche una funzione di ammendamento cioè di migliorare le caratteristiche fisico-meccaniche del terreno e ha anche una funzione di correzione cioè è in grado di correggere anomalie di reazione e favorire l’attività microbica.

Il fertilizzante va aggiunto al terreno in determinati periodi dell’anno, a seconda della pianta.

Possiamo dividerli in:

  • Fertilizzante semplice che è sufficiente per una concimazione normale, senza particolari esigenze e necessità;
  • Complesso che contiene più elementi e viene usato quando è necessaria una concimazione più ricca;
  • Fertilizzante completo, quando possiede almeno 3 elementi contemporaneamente come azoto, fosforo e potassio.

Il fertilizzante inoltre, può essere di varia natura. In commercio, possiamo trovare quello chimico che è prodotto chimicamente e contiene azoto, fosforo, potassio e altri minerali. E poi, troviamo quello naturale, che si può preparare anche in casa. È composto principalmente da letame, foglie secche e scarti di cucina.

Svelati gli ingredienti e scarti alimentari per creare il fertilizzante perfetto

Come fertilizzante naturale sicuramente possiamo citare i fondi di caffè. Contengono molto azoto, potassio e magnesio. I fondi di caffè devono essere asciutti, così da evitare la muffa. Per prepararne uno liquido, basterà mettere in un secco pieno d’acqua dei fondi di caffè e aspettare una notte intera. Il giorno dopo si può già utilizzare per innaffiare le piante.

Un altro scarto da poter utilizzare sono i gusci d’uovo, che sono ricchi di calcio e aiutano a mantenere in salute la pianta. I gusci devono essere utilizzati secchi, mettendoli al sole o qualche minuto in forno. Dopo devono essere tritati e utilizzati. Si possono spargere direttamente sul terriccio, o mischiarli direttamente. Può anche essere messa alla base del vaso così da drenare l’acqua.

Si possono utilizzare anche le bucce di banana  che sono ricche di magnesio e potassio, minerali. Vanno messe direttamente nel terreno o si può creare un macerato di bucce.

Per creare il fertilizzante perfetto, inoltre, si possono unire questi tre alimenti e farne uno solo, così da avere un fertilizzante più potente.