Se vuoi far cambiare colore alle ortensie, devi leggere questa guida

Per cambiare colore alle ortensie basta cambiare il terriccio: è lui infatti il responsabile della tonalità dei fiori. Non tanto il terriccio in sé quanto il suo grado di acidità o alcalinità. Quindi, a fare la differenza, saranno i nutrienti che darai alla pianta in modo da farle variare le nuances così da apparire ogni anno di una tonalità differente.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

I cambi di colorazione non sono così immediati. È più semplice trasformare un’ortensia rosa in una viola o blu piuttosto che una blu in una più chiara. Questo perché una volta acidificato il terreno ci vuole parecchio tempo prima che ritorni di nuovo basico. Inoltre, è praticamente impossibile cercare di cambiare colore alle ortensie bianche: lottano strenuamente per mantenere la loro tonalità.

Al massimo le ortensie bianche potranno assumere delle sfumature più o meno rosate e, a volte, tendenti al giallo. Ma la colorazione di base resterà invariata. Sarà comunque divertente intervenire nella gradazione di colori e ci sembrerà di essere dei piccoli alchemici intenti a fare miracoli e magie alle piante.

Cambiare colore alle ortensie

I colori delle ortensie vibrano nelle gradazioni di rosa, viola, blu e bianco. Puoi ottenere questi colori solo mescolando al tuo terriccio differenti nutrienti che vanno ad acidificare o alcalinizzare il terreno. Questo è tutto ciò che ti serve per creare un giardino colorato e variopinto proprio come piace a te.

Per ottenere una colorazione rosata dalle tue ortensie dovrai distribuire in modo uniforme sul terreno della calce agricola, conosciuta meglio con il nome dolomite. La calce va messa vicino al fusto della pianta così che l’assorbimento sia più rapido e i nutrienti non vadano a disperdersi senza essere ben assorbiti.

La quantità di prodotto consigliata è di 200 grammi per ogni metro quadro, Se le tue ortensie si trovano, dunque, su un vaso dovrai fare un calcolo per valutare la grandezza e la distribuzione del terreno. Se esageri con il prodotto, infatti, rischi di causare un ambiente fin troppo acido alla pianta che potrebbe soffrirne.

Se posizioni della lana di acciaio vicino alla radici della pianta cambierà il colore alle ortensie, diventando blu. E non un blu spento ma una tonalità piuttosto vivace. Per interrare la lana di acciaio presta particolare attenzione a non rovinare le radici. Ti basterà piantare i fili come se fossero degli aghetti e cercare di metterli in profondità.

Un altro metodo per trasformare l’ortensia in una variante blu è mescolare con l’acqua da annaffiatura del solfato di alluminio. Di solito questo prodotto viene venduto in pastiglie e a te ne basterà una per innaffiatoio. Prima di procedere all’irrigazione controlla che il PH non sia superiore ai 5,6 altrimenti potresti compromettere il benessere della pianta.

Sarà più semplice intervenire sulle ortensie in vaso rispetto a quelle messe a dimora sul terreno. All’aperto, infatti, le radici delle ortensie si diramano e potremmo rischiare di rovinarle o di non ottenere risultati perché non avremo collocato i prodotti nei posti giusti. Possiamo quindi procedere all’esperimento in vaso e poi ripiantare l’ortensia sul terreno all’esterno.