Queste creme solari non solo fanno bene, ma ti fanno abbronzare prima

Alcune creme solari sono particolarmente efficaci rispetto ad altre nel velocizzare il processo di abbronzatura e protezione. In pratica, tutto ciò che ricerchiamo in una crema solare. Perché quando siamo al mare, magari solo per 15 giorni all’anno, vogliamo sfoggiare fin da subito una bella e sana abbronzatura.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Non vogliamo scottarci, vogliamo solo ottenere una tintarella brillante e dorata. Per ottenere un tale risultato dobbiamo evitare di scottarci altrimenti la pelle si screpola e si rovina. Per questo dobbiamo fare attenzione a un fattore determinante: ovvero la protezione solare che non deve mai essere al di sotto del 30+.

Si può utilizzare una crema 20+ o 15+ di protezione solare solo gli ultimi giorni di vacanza quando la pelle ha ormai assunto un colorito scuro o quando prendiamo il sole in orari tardo pomeridiani. In tutte le altre occasioni e nella fascia oraria che va dal mattino fino al tardo pomeriggio vanno spalmate le creme solari a protezione più elevata.

L’SPF o “fattore di protezione solare” è un punteggio che indica la capacità del prodotto di proteggere la pelle dai raggi UVB. I raggi UVA sono i raggi che abbronzano la pelle, ma causano anche rughe e altri danni.

Selezionare con cura le creme solari

Con la giusta protezione solare, è possibile proteggere la pelle dai danni del sole e ottenere comunque un colorito dorato. L’abbronzatura naturale deriva dall’esposizione ai raggi UV che attivano la produzione di melanina nella pelle. Esistono molte creme solari chimiche in grado di fornire un certo livello di protezione dai raggi UV, ma tendono ad avere un aspetto innaturale e bianco spettrale sulla maggior parte degli utenti, soprattutto quando vengono applicate per la prima volta.

D’altro canto, ingredienti naturali come l’ossido di zinco e il biossido di titanio offrono una protezione ad ampio spettro dai dannosi raggi UV senza lasciare un evidente colore bianco sulla pelle. Questi filtri hanno anche altri vantaggi, tra cui quello di agire come antinfiammatori e di combattere l’acne. Non sono a prova di olio, il che spiega le loro diverse proprietà a seconda del metodo di applicazione e del fatto che vengano utilizzati da soli o con un altro filtro.

I 3 migliori filtri solari naturali per un’abbronzatura sana:

  • La Roche-Posay UVADeep UV Defense SPF 50+:  è formulata con antiossidanti, vitamine e un agente antinfiammatorio brevettato per proteggere dai radicali liberi. È disponibile in diverse formulazioni colorate, tra cui una con una leggera tonalità blu, ideale per le pelli sensibili. È inoltre resistente all’acqua e offre una protezione ad ampio spettro contro i raggi UVA e UVB.
  • Cosmedicine Ultraviolet Defense Factor 50: utilizza ossido di ferro e biossido di titanio per fornire una protezione ad ampio spettro contro i raggi UVB e UVA. È priva di oli e profumi, ideale per chi ha la pelle grassa o a tendenza acneica. È inoltre resistente all’acqua e può essere utilizzato su tutti i tipi di pelle.
  • Neutrogena Ultra Sheer SPF 100: è priva di oli, senza profumo e resistente all’acqua. È un’ottima opzione per i tipi di pelle sensibili che necessitano di una protezione extra dai radicali liberi.