Se le tue macchie di calcare non vanno via, ecco cosa puoi fare: “wow!”

Esiste un metodo efficace per eliminare le macchie di calcare? Ebbene sì, per fortuna esiste e in questo articolo andremo a svelarlo. Il calcare è quella macchia grigia e verdastra che compare su rubinetti, lavandini e altre superfici accessibili all’acqua. Esistono diversi tipi di calcare: ossalato di calcio, silice, idrossido di ferro e magnesio sono i più comuni.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Ognuno di questi ha le proprie caratteristiche e i propri metodi di trattamento. Inoltre, ogni tipo presenta un diverso livello di rischio per la salute. Il calcare è principalmente causato da alti livelli di carbonato di calcio (calce) nell’acqua. Si tratta quindi di un problema importante per chi vive in zone con acqua dura, come le case con pozzi o i pozzi privati. Tuttavia, può comparire anche nell’acqua addolcita perché il calcare è un sottoprodotto naturale del processo di addolcimento.

Prevenire l’accumulo di calcare

Se viviamo in una zona con acqua dura, è importante prevenire il più possibile l’accumulo di calcare pulendo e decalcificando regolarmente. Ciò avrà un grande impatto sui costi di pulizia a lungo termine e sulla durata di vita degli apparecchi. Quando si puliscono gli apparecchi ad acqua, come il bollitore o la macchina del caffè, è importante utilizzare un detergente adatto all’acqua dura.

I detergenti per acqua dura di solito contengono sostanze chimiche che rompono il calcare. Anche una regolare decalcificazione degli apparecchi ad acqua aiuta a prevenire l’accumulo di calcare. Se l’acqua rimane ferma per molto tempo, il calcare si forma come risultato di una reazione chimica tra l’acqua e le superfici all’interno degli apparecchi idrici.

Metodi per rimuovere le macchie di calcare

Esistono diversi metodi per rimuovere le macchie di calcare. I metodi migliori per ogni singola situazione dipendono dal tipo di calcare, dalla sua posizione e dal tipo di superficie su cui si è depositato. I detergenti anticalcare sono formulati specificamente per rimuovere i depositi squamosi dell’acqua dura. Sono particolarmente efficaci per le incrostazioni di ossalato di calcio e idrossido di ferro. Alcuni detergenti per calcare possono essere utilizzati anche per rimuovere le incrostazioni di silice. –

Ci sono poi i rimedi naturali che comprendono essenzialmente l’applicazione di tre prodotti specifici: aceto, succo di limone e bicarbonato di sodio. Di solito si crea una miscela o una pastella da applicare direttamente sulla macchia così da trattare la parte in maniera delicata e poco aggressiva. La soluzione è efficace e per nulla inquinante.

La soluzione segreta

Un altro metodo che possiamo considerare segreto poiché quasi nessuno lo utilizza è quello di sfruttare il potere della soda caustica o dell’idrossido di sodio. La sostanza non va assolutamente maneggiata con le mani in quanto è irritante e urticante. Per sfruttare questa soluzione bisognerà discioglierla in un contenitore in acciaio (no plastica o legno poiché potrebbe corroderli) con qualche scaglia di soda caustica.

Poi si andrà a versare sopra la macchia la miscela ottenuta facendo attenzione a non toccare con le mani o che non parta qualche schizzo. Lasciamo agiare per qualche minuto e poi versiamo abbondante acqua per risciacquare. A questo punto possiamo pulire con del detersivo o con l’ausilio di prodotti naturali.