Se paghi queste bollette rischi grosso: ecco cosa può accadere

Le bollette sono percepite alla stregua dell imposte, ossia delle tasse, come qualcosa dalla quale appare impossibile “sfuggire” e quindi, una volta “rassegnati”, bisogna pagare, magari ricordandosi di farlo nei tempi prestabiliti, per evitare di subire il cosiddetto “distacco” dell’energia da parte del fornitore ossia una parziale o completa riduzione della fornitura che può essere di luce o gas, più raramente acqua. Il contesto delle fatture viene determinato da una regolamentazione piuttosto stringente, che anche con l’arrivo del mercato libero dell’energia è stata “modificata”.

Bollette rincari

Fatture

Le bollette infatti vanno pagate sempre ma esistonono alcune condizioni che possono quantomeno mettere in discussione l’efficacia della stessa. Infatti esiste il concetto di prescrizione, che sostanzialmente fa riferimento ad una forma di scadenza, da calcolare a partire dalla data di emissione: se una fattura viene impugnata dal fornitore oltre la data di prescrizione, semplicemente questa non può essere utilizzata dallo stesso nella richiesta di effettuare il pagamento.

Se paghi queste bollette rischi grosso: ecco cosa può accadere

La prescrizione delle bollette è stata modificata nel 2018: quelle della luce mantengono una scadenza di 5 anni fino al 2 marzo 2018, e poi diventa 2 anni, mentre per il gas la data che porta la prescrizione ad essere ridotta da 5 a 2 anni è il 1° gennaio 2019. Per l’acqua questo “limite” scatta per tutte quelle emesse dopo il 1° gennaio 2020.

Ricordiamo che una bolletta non pagata dopo 15-20 giorni fa partire l’iter che porta ad una graduale diminuizione della fornitura energetica fino al 15% della potenza massima, per poi determinare il distacco totale dopo 2 settimane. Il distacco non può comunque avvenire se nell’abitazione sono presenti utenti disalimentabili, ovvero chi necessita di macchine salvavita all’interno della propria abitazione, ma anche se l’utente non è stato avvisato via raccomandata dei mancati pagamenti delle bollette o se esiste un accordo di pagamento tra l’intestatario della fornitura e il fornitore.

Bollette rincari