Questo è il paese più economico dove andare a vivere: ecco quale

L’Italia non è un Paese con un costo della vita basso, anzi tutt’altro. Tra mutui o affitto, auto, bollette e spese varie, anche a causa della crisi economica, spesso non è facile vivere tranquilli, concedendosi sfizi e grandi viaggi. Ci sono Paesi dove, invece, il costo della vita è molto più basso e che possono rappresentare un’ottima alternativa per un trasferimento futuro.

Nepal, al primo posto

Al primo posto fra i paesi più economici dove andare a vivere, c’è il Nepal, situato nell’Asia meridionale, tra India e Tibet. Dalla forte cultura millenaria e dalle radicate tradizioni, il Nepal è principalmente un Paese per gli expat più avventurosi. Come lo Sri Lanka, è infatti ideale per i nomadi digitali che vogliono vivere un periodo della vita tra meravigliosi templi ed escursioni avventurose. Recentemente, però, il governo nepalese sta attuando tutta una serie di provvedimenti e agevolazioni per attirare gli investitori stranieri. Il centro economico e della vita del Paese è la capitale Katmandu. Ma, prima di prendere questa decisione, bisogna tenere a mente di alcune cose importanti. Ad esempio, l’acqua non è potabile, l’inquinamento in città è purtroppo elevato e, a volte, anche la capitale può rimanere senza elettricità. Dall’altro punto di vista, invece, il costo della vita è davvero bassissimo. Infine, la lingua ufficiale è il nepalese e la moneta la rupia nepalese (€1,00 = 136,70 NPR).

Questo è il paese più economico dove andare a vivere: ecco quale

Tunisia, al secondo posto

La Tunisia è un paese del Nord Africa ed è davvero vicina all’Italia. La Tunisia presenta una storia millenaria e ospita una grande comunità di espatriati, situati nella parte settentrionale del Paese e lungo la costa. Il Paese, infatti, è scelto soprattutto da pensionati italiani: una grandi comunità si trova ad Hammamet, località costiera a circa 65 km da Tunisia, la capitale del Paese. Se ci si vuole trasferire prima per lavorare, la soluzione migliore è rimanere nella capitale, ma rimane il fatto che la Tunisia è più un Paese per pensionati. Qui ci si può godere la vita anche con una pensione bassa, rilassarsi al mare e godersi le calde temperature tutto l’anno! La lingua ufficiale è l’arabo, ma il francese è davvero molto diffuso. In alcune località balneari, come nel caso di Hammamet, è possibile trovare anche qualcuno che parla italiano! La moneta ufficiale è invece il dinaro tunisino (€1,00 = 3,25 TND).

Turchia, al terzo posto

A cavallo tra Oriente e Occidente, la Turchia è uno dei Paesi con il costo della vita più basso. Cultura millenaria, paesaggi completamente diversi tra loro, grandi città e piccoli borghi tra mare e montagne, la Turchia ha molto da offrire a chi la sceglie. In realtà, uno dei suoi punti forti, che la collocano in questo punto della classifica, è che i suoi costi di affitto sono tra i più bassi al mondo. Al tempo stesso, anche il costo di bollette e spesa si tiene molto basso. Per questo motivo, è una destinazione scelta anche da tantissimi italiani, pronti a cambiare vita ma senza allontanarsi troppo da casa. Una delle città più scelte dagli italiani è sicuramente Istambul con la sua atmosfera d’altri tempi, i grandi mercati e le tante bellezze. Sicuramente, la soluzione migliore è trovare lavoro per un’azienda italiana dislocata qui. Per ambientarsi al meglio ed essere accettati soprattutto nel mondo del lavoro, l’ideale sarebbe imparare il turco (tranne se si lavora per un’azienda italiana). L’inglese è comunque diffuso e parlato nelle grandi città. La moneta ufficiale è la lira turca (€1,00 = 15,35 TL).