Queste sono le 7 meraviglie del mondo: ecco come e quando visitarle

Luoghi incantevoli ricchi di storia e fascino, le Sette Meraviglie del Mondo antico sono da sempre mete di tendenza per i viaggiatori. Inoltre,  rientrano nella lista dei posti più belli del pianeta, da visitare almeno una volta nella vita. Spesso riconosciuti Patrimonio UNESCO, questi siti posseggono un innegabile valore culturale e sono milioni  i turisti che ogni anno partono alla loro scoperta. Ecco a voi le 7 meraviglie del mondo antico.

Piramide di Cheope a Giza, Egitto

Uno dei luoghi più evocativi al mondo, le piramidi di Gizia, non hanno bisogno di presentazioni e non potete organizzare un viaggio in Egitto senza visitarle. La Piramide di Cheope è la più grande delle tre e i tour guidati vi portano all’interno dell’imponente struttura; il percorso non è proprio agile, con tratti in salita e zone in cui bisogna accovacciarsi, per cui andateci con abbigliamento e scarpe comode. E’ sconsigliato la visita a chi soffre di claustrofobia o scarsa mobilità. Un’esperienza adatta anche a chi viaggia con i bambini ma munitevi di tanta acqua, dato il caldo soffocante all’interno della Piramide e il tragitto da percorrere sotto il sole per arrivarci. Le stagioni ideali per visitare le Piramidi sono Autunno e Primavera, quando le temperature sono decisamente gradevoli, ma anche l’Inverno con giornate fresche e ventilate. Evitate il periodo estivo, si toccano punte di 40° gradi nel deserto; se proprio dovete partire nel periodo estivo, consigliamo escursioni di prima mattina.

Queste sono le 7 meraviglie del mondo: ecco come e quando visitarle

Giardini Pensili di Babilonia, Iraq

Un “paradiso terrestre” la cui esistenza è ancora oggi messa in dubbio da storici e studiosi. Secondo antiche fonti scritte, gli incredibili Giardini Pensili di Babilonia furono realizzati intorno al 600 a.c. per ordine del re Nabucodonosor II sulle rive del fiume Eufrate. Nonostante la questione sia tutt’oggi irrisolta, Babilonia e i suoi Giardini Pensili hanno da sempre ispirato grandi poeti e pittori come il francese Edgar Degas. In questo periodo però, a causa di condizioni di sicurezza inadeguate, la nazione non può essere considerata una meta turistica. Il Ministero degli Affari Esteri ne sconsiglia formalmente i viaggi, specie nella regione centrale del Paese.

Statua di Zeus a Olimpia, Grecia

Realizzata dallo scultore ateniese Fidia, la Statua di Zeus in oro e avorio si trovava nel Tempio di Olimpia dedicato al dio grecoe rientra nella lista delle sette meraviglie del mondo antico. L’opera fu distrutta da un violento incendio ma il Tempio è ancora oggi visitabile. Assolutamente consigliato per studenti di Arte Classica e per tutti gli amanti dell’Antica Grecia: dopo averli visti solo sui libri, trovarsi a tu per tu con capolavori come l’Hermes con Dioniso e la Nike di Peonio è un’esperienza eccezionale. Per comprendere al meglio lo splendore della culla della civiltà occidentale, il suggerimento è quello di affidarsi ad un tour guidato.

Tempio di Artemide a Efeso, Turchia

Dalla magnificenza alla desolazione. Del celebre Tempio di Efeso dedicato alla dea Artemide al giorno d’oggi non rimane che una sola colonna e pochi resti sparsi tutto intorno. Se avete deciso di visitare quel che resta di una delle sette meraviglie del mondo antico, armatevi di tanta immaginazione e provate a riviverla ai suoi antichi fasti. Se state organizzando un tour tra le antiche rovine di Efeso ci sono tante soluzioni tra cui scegliere. Questo a seconda del tempo che volete dedicare alla visita. Un consiglio è di fare rifornimento d’acqua perché lungo il tragitto non ci sono fontane e specie nei mesi estivi si cammina per molto tempo sotto il sole cocente.

Colosso di Rodi, Grecia

Costruito in onore del Dio Helios, il mitico Colosso di Rodi era una gigantesca statua di 32 metri. Venne edificata nei pressi del porto prima di essere distrutta dal terremoto che colpì la città greca nel 226 a.c. Nel punto in cui, secondo la tradizione, la statua poggiava i piedi oggi trovate due colonne con sulla sommità le Statue in bronzo di due cervi, animali simbolo dell’isola e attrazione turistica della città. La città greca è una meta ideale tutto l’anno, specialmente in Primavera da Marzo a metà Giugno o nella seconda metà di Settembre: clima piacevole, afflusso turistico non troppo elevato e prezzi non altissimi come nel periodo di alta stagione tra Luglio e Agosto.

Mausoleo di Alicarnasso, Turchia

Così come per il Tempio di Artemide, anche del Mausoleo di Alicarnasso restano alcuni rocchi di colonne poco altro. Questo a causa di un tremendo terremoto, secoli di incuria e approssimativi lavori di restauro. Ciò non toglie che sembra assurdo andare a Bodrum (anticamente Alicarnasso) e non visitare i resti della monumentale tomba. Costruita per volere di Artemisia, un sito archeologico che, seppur oggi spoglio, conserva un fascino indescrivibile e rientra nella lista delle 7 meraviglie del mondo classico. Evitate Bodrum nei mesi invernali, generalmente abbastanza piovosi. Ok il periodo estivo, il clima migliore dell’anno, ma se temete il troppo caldo allora optate per Maggio e Settembre.

Faro di Alessandria, Egitto

L’edificio più alto del mondo dopo le Piramidi, il Faro di Pharos ad Alessandria fu distrutto da un violento terremoto nel 1303. Inoltre, rientra nella lista delle sette meraviglie del mondo antico. Oggi sulle rovine dell’Antico Faro sorge la Cittadella di Qaitbay, un’altra meta turistica di tendenza da inserire nel vostro programma di viaggio. Consigliata alle famiglie con bambini di tutte le età data la sua vicinanza al mare e le meravigliose viste sulla baia che regala dalle zone più alte della Fortezza.