Quando si piantano i tulipani? Indicazioni per farli crescere bene: “incredibile”

I tulipani sono sicuramente fiori molto diffusi in primavera, per colorare giardini, terrazze, balconi e appartamenti. Essi derivano da antenati selvatici originari d’Europa, soprattutto dal bacino mediterraneo fino all’Asia Minore. Si dividono in molte categorie, in base alla data di fioritura e la forma del fiore.

Ad esempio abbiamo quelli botaniche che fioriscono a marzo o aprile. Ci sono i precoci che sbocciano tra marzo e aprile e i tardivi che fioriscono a fine aprile-inizio maggio. Conosciamo anche i tulipani Darwin e i Trionfo che sono quelli di metà stagione.

Ne esistono di tutti i colori, come il bianco, il giallo, l’arancione, il rosso, il rosa e il malva. Ma possono anche avere sfumature di più colori insieme o di varie tonalità.

Quando si piantano i tulipani? Indicazioni per farli crescere bene: “incredibile”

I bulbi di questi stupendi fiori si piantano da ottobre a dicembre, ma si può optare per una messa a dimora precoce per un miglior radicamento e una buona fioritura. I bulbi devono essere piantati al sole o leggermente all’ombra. La terra deve senza essere abbastanza ricca e non troppo umida. Questo perché i tulipani preferiscono le posizioni calde e asciutte in estate, che favoriscono la fioritura l’anno dopo.

I piccoli bulbi si interrano da due a tre volte l’altezza, cioè di 5-10 cm per i piccoli tulipani botanici e fino a 15 cm per i grandi tulipani.

 

Quando si piantano i tulipani? Indicazioni per farli crescere bene:

E inoltre, si piantano in gruppi da 5 o 10 bulbi distanziati tra loro da una decina di centimetri. Si deve poi aggiungere un concime speciale per i bulbi al momento della messa a dimora. Vanno annaffiati leggermente dopo essere stati piantati, così da comprimere la terra. La fioritura avviene tra marzo e maggio, ma dipende dalla varietà.

Si possono piantare anche in vaso, ma meglio scegliere i tulipani botanici o precoci. In vaso per piantarli, si deve mescolare un terzo di terra franca vegetale, un terzo di terriccio tipo terriccio da piantagione e un terzo di sabbia grossolana.

Questi fiori non sono molto esigenti. Non attirano i parassiti e non temono le malattie. In caso di primavere secche, e consigliato annaffiare le piante abbondantemente.