Non lo sapeva nessuno ma se mangi anacardi ecco cosa succede

Non lo sapeva nessuno ma se mangi anacardi potresti ritrovarti nel giro di poco tempo con l’umore nettamente migliore. Questa frutta secca ha infatti una sua particolarità molto utile e sconosciuta ai più: si tratta infatti di un vero e proprio antidepressivo naturale che può aiutare nei momenti in cui l’umore è maggiormente grigio.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

La sua composizione è infatti ricca di sostanze naturali che aiutano la produzione e l’assorbimento della serotonina, il così detto “ormone del buon umore”. La sensazione piacevole che provi mangiandoli, quindi, può essere legata non solo al gusto gradevole e alla capacità del sale di stimolare l’appetito, ma anche ad una certa sensazione di rilassamento generata da questo alimento.

Ecco cosa succede se mangi anacardi

La frutta secca viene considerata uno spuntino ideale nelle diete ipocaloriche: consente di assumere energia velocemente a fronte di una quantità di grassi contenuta e comunque di natura benefica. Siamo però abituati – anche per una questione di costi – a preferire noci, nocciole, pistacchi e mandorle. Tuttavia gli anacardi possono essere altrettanto validi e fornire un apporto ulteriore: quello di antidepressivo naturale.

Gli anacardi infatti sono composti da tante vitamine del gruppo B, dal magnesio, e da aminoacidi essenziali e altre sostanze che possono arrivare a ridurre l’ansia e lo stress. La componente principale che concorre a questa funzione è il triptofano (presente in 400mg ogni 100 grammi), un aminoacido essenziale che dobbiamo necessariamente assumere dai vegetali e che è precursore della serotonina. Senza di esso non potremmo né produrre serotonina né utilizzarla al meglio, perché il triptofano contribuisce anche al suo assorbimento. Esistono addirittura alcuni medici che tendono a consigliare l’utilizzo degli anacardi al posto di farmaci che agiscano chimicamente sui livelli di serotonina.

Le altre virtù benefiche degli anacardi

Il triptofano è precursore anche della melatonina e quindi può aiutare anche nella gestioni del ritmo sonno-veglia, facilitando il rilassamento ed un sonno più profondo. Gli anacardi sono poi importante fonte di magnesio, che serve al buon funzionamento del sistema nervoso e concorre a limitare rischi di ansia e depressione. Anche la vitamina B6, particolarmente presente in essi, aiuta l’assorbimento della serotonina.

Ricordando che la depressione è un problema serio, che non può essere preso alla leggera, e necessita del parere di un medico e di essere seguiti passo dopo passo nello sviluppo della malattia, aggiungiamo che di certo non è possibile pensare ad una cura di soli anacardi. Se avete però bisogno di uno spuntino che aiuti a rilassarvi in modo salutare, utilizzarli non può che farvi del bene. Altrettanto una dieta sana ed equilibrata, che possa apportare le necessarie quantità di sostanze utili al miglior funzionamento del sistema nervoso, può aiutare a tenere più lontani ansia, stress e depressione.

anacardi