Digiuno intermittente: fa bene o no? Ecco tutta la verità

Si sente spesso parlare di digiuno intermittente nei media e nei giornali: ma è un metodo efficace per perdere peso o ha controindicazioni? Il digiuno intermittente è diventato una strategia di perdita di peso molto popolare negli ultimi tempi. Molte persone sostengono che aiuta a perdere peso in modo più rapido ed efficiente rispetto ad altri metodi di dieta. Ma che cos’è esattamente il digiuno intermittente e i suoi benefici sono superiori agli svantaggi?

Il digiuno intermittente è uno schema alimentare che prevede la restrizione dell’apporto calorico per un numero limitato di ore una o due volte alla settimana. Esistono diversi tipi di digiuno intermittente, ma quello di gran lunga più comune è il digiuno a giorni alterni, in cui si mangia il 25% delle normali calorie giornaliere in un giorno e poi si digiuna per le 24 ore successive.

Esistono anche le diete 5:2 (come mangiare solo 500 calorie per due giorni alla settimana) e l’alimentazione a tempo limitato (mangiare solo tra le 10.00 e le 18.00). I potenziali benefici del digiuno intermittente includono la riduzione del grasso corporeo, la diminuzione dei fattori di rischio per le malattie croniche come il diabete di tipo 2, l’ipertensione, il miglioramento della sensibilità all’insulina e l’aumento della longevità grazie all’autofagia.

Come funziona?

Questo regime alimentare forzato funziona aumentando lo stato metabolico dell’organismo. Quando non mangiamo, produciamo livelli più elevati di fattore di crescita insulino-simile 1, che aumenta il tasso di guarigione e di crescita incrementando l’autofagia nelle cellule. L’autofagia è il processo attraverso il quale le cellule eliminano il materiale di scarto e lo sostituiscono con nuovi tessuti più sani.

Ecco perché è efficace per la perdita di peso, la prevenzione e la gestione del diabete, l’abbassamento della pressione sanguigna e la riduzione del colesterolo. Il corpo può immagazzinare solo una certa quantità di grasso, quindi se non riceve nuove fonti di energia, brucerà le proprie riserve di grasso. Il digiuno intermittente può anche aiutare a perdere peso aumentando la sensibilità all’insulina: questo è particolarmente utile per le persone con diabete di tipo 2.

Pro e contro del digiuno intermittente

Uno dei vantaggi più significativi del digiuno intermittente è che può aiutare a perdere grasso corporeo. Infatti, quando il corpo non riceve energia dal cibo, brucia i grassi come fonte di energia. Questo non è utile solo per la perdita di peso, ma può anche contribuire a ridurre il rischio di malattie cardiache, diabete di tipo 2 e alcuni tipi di cancro.

Poiché questo regime alimentare restrittivo non è adatto a tutti, ha diversi potenziali svantaggi. Per esempio, è sconsigliato alle donne in gravidanza o in fase di allattamento, ai bambini, alle persone affette da diabete o che assumono farmaci. Non è nemmeno adatto agli atleti che praticano un’attività fisica molto intensa, come la corsa su lunghe distanze, perché può ridurre la massa muscolare e abbassare il tasso metabolico.

Alcune persone trovano che il digiuno provochi indigestione, crampi o diarrea, il che può renderlo sgradevole da seguire. Prima di decidere di seguire questa dieta, dobbiamo sapere come integrarla nel nostro stile di vita e chiedere sempre un parere al proprio medico curante.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *