É sempre mezzogiorno | Ricetta filetto di maiale bardato di Fabio Potenzano

Il 27 gennaio è un giorno importante per riflettere sulla storia e ricordare le vittime del nazifascismo. Anche in cucina possiamo rendere omaggio a queste persone preparando piatti gustosi e tradizionali. In questa occasione, Antonella si unisce a Fabio Potenzano, un cuoco siciliano noto per la sua cucina raffinata e genuina, per presentare una deliziosa ricetta: il filetto di maiale bardato.

Per preparare questo secondo piatto gustoso e ricco di sapori intensi, avremo bisogno dei seguenti ingredienti: 1 filetto di maiale, 10 fette di pancetta affumicata, paprika affumicata, 1 albume, 50 g di burro, 1 spicchio d’aglio, timo, rosmarino, 1 foglia di alloro, sale e pepe. Per accompagnare il filetto, prepareremo anche delle pere in salsa di vino rosso e una crema di zucca e patate.

Per iniziare la preparazione del filetto di maiale bardato, tagliamo il filetto in tre trancetti per il lungo e li cospargiamo di paprika affumicata. Successivamente, disponiamo le fette di pancetta affumicata su un foglio di carta forno, sovrapponendole leggermente per ottenere un rettangolo. Poi, mettiamo il filetto sul lato del rettangolo e arrotoliamo la pancetta attorno ad esso, avvolgendolo con la carta forno. Sigilliamo bene la carta e avvolgiamo il tutto nella pellicola.

Mettiamo il filetto dentro uno stampo da plumcake e copriamo il tutto con acqua calda. Cuociamo in forno statico a 80° per 45 minuti. Una volta cotto, togliamo la carta e rosoliamo il filetto in padella con burro, aglio e le erbe aromatiche. Dopo averlo lasciato riposare per 10 minuti, tagliamo il filetto a fette.

Per preparare le pere in salsa di vino rosso, portiamo a ebollizione in un pentolino il vino rosso con il miele e le spezie come la cannella, l’anice stellato, il pepe, il ginepro e l’alloro. Immergiamo le pere pelate e intere nella miscela e lasciamole cuocere per 20 minuti.

Nel frattempo, per preparare la crema di zucca e patate, frulliamo la zucca e le patate lesse fino ad ottenere una crema vellutata. Aggiustiamo di sale e aggiungiamo il latte caldo e una noce di burro, continuando a frullare fino ad ottenere una consistenza liscia e omogenea.

Infine, saltiamo in padella le bietoline sbollentate con olio e aglio per ottenere un contorno colorato e gustoso.

Il filetto di maiale bardato di Fabio Potenzano è pronto per essere gustato, accompagnato dalle pere in salsa di vino rosso e dalla crema di zucca e patate. Questo piatto unisce tradizione e creatività, rendendo omaggio alle vittime del nazifascismo anche attraverso la cucina.

Se siete curiosi di scoprire altre gustose ricette, potete trovare i video delle puntate di “É sempre mezzogiorno” su RaiPlay. Ricordate che questo articolo non è il blog o il sito ufficiale del programma, ma vuole essere un taccuino in cui prendere nota degli ingredienti e dei procedimenti delle ricette più interessanti. Le immagini utilizzate sono tratte dai siti ufficiali, dagli streaming e dai social del programma.

Il 27 gennaio, oltre a essere una giornata di riflessione e ricordo delle vittime del nazifascismo, è anche un’occasione per unire la passione per la cucina alla conoscenza della storia, ricordandoci sempre del valore della memoria.
Continua a leggere su MediaTurkey: É sempre mezzogiorno | Ricetta filetto di maiale bardato di Fabio Potenzano