Le cascate vicino Torino che nessuno conosce: ecco come raggiungerle

Torino è una città bellissima da scoprire e da visitare in lungo e in largo. Perfetta meta per chi vuole congiungere un viaggio alla scoperta di musei e di luoghi affascinanti immersi nella natura. Le cascate, ad esempio, sono il simbolo di cambiamento e rinascita, difficile non lasciarsi affascinare da questo spettacolo della natura. Nei pressi della città avrete l’opportunità di vedere alcune cascate, considerate fra le più belle! Vediamone alcune.

La Cascata di Naosca

La cascata di Noasca si trova in Valle Orco, nel paese di Noasca, in provincia di Torino. La sua particolarità sta nel fatto che la si può ammirare dal retro, diciamo, da dietro le quinte.  La cascata si può raggiungere con una passeggiata nel bosco di circa 10 minuti e con un dislivello di 40 metri. Una volta arrivati al suo cospetto ed entrati in una caverna, ci si trova improvvisamente dietro di lei e la si può così ammirare da un’angolazione del tutto privilegiata. Una meraviglia della natura.

Cascata di Fondo

La cascata di Fondo si trova nell’omonima frazione del comune di Traversella, in Valchiusella, in provincia di Torino. Si può raggiunge la cascata con una facile passeggiata di circa 20 minuti su strada carrozzabile oppure percorrendo un sentiero nel bosco. In estate molti la raggiungono per fare il bagno nella piscina naturale che si trova ai suoi piedi. Essendo molto frequentata dai turisti vi consiglio di venirci in settimana in modo da avere la cascata tutta per voi! Non dimenticatevi anche di fare una visita al piccolo borgo di Fondo, è molto caratteristico e vi farà fare un tuffo indietro nel tempo.

Cascata d’Ovarda

La cascata d’Ovarda si forma dalle acque dei rii Ru ed Ovarda e l’ho scoperta percorrendo l‘anello storico di Lemie. Si trova infatti in Val di Viù, a Lemie, in provincia di Torino. Raggiungerla è davvero semplice e il percorso è adatto a tutti. Lasciata l’auto nel comodo parcheggio a bordo strada in Via Roma (la via principale che attraversa Lemie), imbocchiamo Via Villaretti, una stradina acciottolata che sale nell’abitato. Da qui, seguendo i cartelli indicatori, in meno di 10 minuti arriviamo a questa bellissima cascata.  Se volete, potete proseguire e percorrere anche voi l’anello storico di Lemie. Attraverserete paesaggi completamente immersi nella natura, cappelle votive in punti molto panoramici e bellissime borgate.

Cascate di Novalesa

Le cascate di Novalesa si trovano in Val di Susa, a Novalesa. Sei di queste sono sempre visibili, mentre in periodi particolarmente piovosi si arriva a vederne addirittura più di dieci. Io ho potuto visitarne tre.
La prima si trova nei pressi dell’Abbazia di Novalesa, è la cascata del Rio Bard e la si raggiunge attraverso un sentiero nel bosco in circa 15 minuti. Le altre due cascate che ho avuto modo di vedere sono quella del Rio Claretto e quella del Torrente Mardarello. Si raggiungono in circa una ventina di minuti a piedi, dopo aver lasciato l’auto nell’ampio parcheggio al fondo dell’abitato di Novalesa, in Via Roma, dove termina la strada. Sono entrambe altissime e imponenti.

Le cascate vicino Torino che nessuno conosce: ecco come raggiungerle