Coronavirus, cosa dicono le curve? Ecco il dettaglio del 28 Marzo 2020

Giornata confortante da un punto di vista dei nuovi contagiati. In calo anche i decessi. Record di guariti. Questo è quanto si evince dal bollettino diramato dalla protezione civile oggi alle 18.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Nello specifico i nuovi contagiati dal coronavirus in Italia sono stati oggi 3.651 contro i 4.401 di ieri per un totale al momento di 70.065 positivi. In calo anche i decessi che oggi sono stati 889, 80 in meno rispetto a ieri. Un bilancio ancora grave che ha portato il totale delle persone decedute a causa del covid-19 a 10.023.

Numeri confortanti sul fronte dei pazienti guariti che nelle ultime 24 ore sono stati 1.434, quasi il triplo rispetto ai 589 di ieri. Il totale dei guariti è salito a 12.384. In calo anche il numero di nuovi pazienti ricoverati con sintomi che oggi sono stati 647 di cui 124 in più in terapia intensiva.

La regione più colpita resta sempre la Lombardia dove però si registra un calo a Milano e provincia dove sono stati 314 i risultati positivi. Ieri erano stati 547. Anche Bergamo e Brescia con soli +41 e +61 in città stanno facendo registrare dati che non stanno più crescendo in maniera esponenziale.

Intanto le misure restrittive che sono in vigore fino al 3 aprile saranno prorogate almeno per altri 15 giorni. Questa è l’indicazione che arriva dal ministro dell’interno Lamorgese. Decisione che trova d’accordo anche i medici che chiedono ancora massima prudenza perché il numero dei contagi è ancora troppo elevato ed è impossibile al momento pensare di allentare le misure con il rischio di vanificare gli sforzi fatti finora.

In serata anche il premier Conte ha parlato in conferenza insieme al ministro dell’economia Gualtieri annunciando un nuovo decreto per far fronte all’emergenza alimentare in Italia causata dalla diffusione del coronavirus.

Ha annunciato che lo Stato metterà a disposizione dei comuni 4,3 miliardi di fondi di solidarietà più altri 400 milioni con vincolo da destinare alle persone che non hanno i soldi per fare la spesa.