Amare se stessi cambia la propria vita: piccoli semplici passi per iniziare

Con l’espressione “amare se stessi”, intendiamo perdonare, accettare e onorare il tuo essere più intimo. Includi le tue parti buone e le tue parti cattive.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Quando puoi amare te stesso, puoi prenderti cura di te stesso, rispettare i tuoi limiti, ascoltare i tuoi bisogni e rispettare i tuoi sogni e obiettivi.

Quando tieni al tuo benessere, sia la salute che la soddisfazione sono fondamentali: sai che non puoi nemmeno amare veramente gli altri senza iniziare a mettere te stesso al primo posto.

Amarsi significa essere egoisti?

A volte potresti sentire esplicitamente parlare di amor proprio ed egoismo: . Forse sei cresciuto in una famiglia che ha sempre condannato ogni forma di autostima o ha sempre preso come unico punto di riferimento le opinioni degli altri.

Questa convinzione è come un virus che può infettare ogni tua cellula. e deve essere rimosso dal fondo.

I profondi benefici dell’amare te stesso

Ecco alcuni dei benefici riscontrati dalla pratica continua di comprendere, accettare ed entrare in empatia con te stesso:

Hai una maggiore tolleranza per i tuoi errori e debolezze.
Aumenti l’autostima e la fiducia.
Hai una maggiore capacità di perdonare gli errori.
Riduci i pensieri ripetitivi e auto-sabotanti.
Hai più comprensione, accettazione ed empatia per gli altri.
Migliori le relazioni intime e non.
Migliori le capacità di sopportare e sperimentare la solitudine.
Migliori i rapporti di lavoro.
Hai una maggiore capacità di costruire relazioni più autentiche.
Hai una migliore gestione del lutto o della separazione.
Hai meno ansia e sintomi depressivi.

Fattori che determinano l’accettazione di se stessi

In generale, a parte l’autostima, da bambini possiamo accettarci solo nella misura in cui ci sentiamo accettati dai nostri genitori.

La ricerca mostra che prima degli 8 anni, ci manca la capacità di sviluppare un senso di sé chiaro e indipendente, a differenza di ciò che i nostri genitori ci hanno trasmesso.

Quindi, se i nostri genitori non sono in grado o non vogliono trasmettere messaggi sicuri (indipendentemente dal nostro comportamento, a volte aggressivo o non all’altezza delle loro aspettative), finiamo per guardarci con ambivalenza.

Le considerazioni positive che riceviamo dai nostri genitori possono essere legate solo al nostro comportamento, alcune delle quali possono essere ritenute inaccettabili.

Quindi, identificandoci con questi comportamenti, iniziamo a pensare a noi stessi come inadeguati.

I genitori possono inviarci tutti i tipi di messaggi: siamo egoisti, non abbastanza attraenti, intelligenti, abbastanza bravi o non abbastanza bravi. Questo ci fa sentire dentro di noi che stiamo semplicemente “a posto” in modo condizionale e in un modo che non delude i nostri genitori.

Questa è una forma molto sottile di abuso emotivo.

Quando i nostri caregiver sono estremamente critici e giudicanti, scopriamo che molti aspetti di noi sono sbagliati e interiorizziamo sentimenti di rifiuto e inadeguatezza.

La tendenza a criticare noi stessi è al centro di molti problemi che noi, da adulti, ci creiamo inconsapevolmente.

A causa del modo in cui la psiche umana si è evoluta, è quasi impossibile non trattare noi stessi nel modo in cui i nostri genitori ci hanno cresciuto.

Se veniamo costantemente ignorati, condannati, incolpati, giudicati o puniti fisicamente, tendiamo a ripetere lo stesso processo: quando attacchiamo, di solito seguiamo i nostri genitori.