Olivia Bertè – Chi è la sorella di Loredana e Mia Martini

olivia bertè

Olivia Bertè è la sorella minore di Mia Martini e Loredana Bertè. Anche se lontana dal mondo dello spettacolo, ha sempre sostenuto la sorella scomparsa e ha difeso il padre Giuseppe Radames a spada tratta. Soprattutto di fronte alle accuse della rocker, che lo ha sempre guardato con estrema severità.

Olivia Bertè ha scelto di stare lontana dai riflettori, ma in qualche occasione ha fatto sentire la sua voce. “Basta con questa spazzatura“, ha detto diverso tempo fa a La Repubblica, “Spero solo che da oggi si ricominci a parlare di Mia Martini esclusivamente come la grande cantante che è stata. Mio padre non è un mostro, è una persona normale“.

Olivia Bertè – La sorella di Loredana Bertè e Mia Martini

Olivia Bertè nasce a Bagnara Calabra nel 1958, ultima di quattro figlie. Fin dai primi anni inizia a respirare aria pesante in famiglia, a causa del difficile rapporto fra i due genitori. A soli sei mesi dalla sua nascita, la coppia sceglie infatti di separarsi. Secondo quanto rivelato da Loredana in diverse interviste, il padre avrebbe picchiato la madre anche quando era incinta di Olivia. Quest’ultima però non ha mai tollerato queste accuse: “Quando i miei si separarono avevo solamente 6 mesi“, ha raccontato, “quindi non sono in grado di ricordare, dovrei parlare di cose che mi sono state raccontate, ma di sicuro i racconti di Loredana sono molto confusi. Luoghi e date non corrispondono assolutamente“.

A causa della forte differenza d’età, Olivia Bertè instaura un rapporto particolare con le sorelle artiste. Da piccola ha una forte ammirazione per Loredana, ha detto la sorella Leda, ma le cose cambieranno in fretta. Con Mimì invece instaura un forte legame, tanto da seguirla fin da giovane durante i tour in giro per l’Italia. Sarà una delle ultime persone a sentire via telefono la Martini, di ritorno dalla Sicilia: “Mi disse ‘Domani vado a Milano per provare un pezzo, se sabato non rispondo è perchè sono in cuffia’. Io infatti l’ho chiamata e non mi sono preoccupata, pensando che banalmente non sentisse il telefono. E lo stesso ha pensato mio padre, ecco la verità”. Così Olivia spiegherà come mai Mimì verrà trovata priva di vita solo due giorni dopo la sua morte effettiva.