Omicidio Willy Monteiro Duarte, indagati in cinque. Colleferro e Paliano in lutto

Ha scosso due comunità e l’opinione nazionale il brutale omicidio del giovane Willy Monteiro Duarte, che secondo le prime ricostruzioni era intervenuto per difendere un amico nel bel mezzo di una rissa.

Quattro in carcere, si indaga sul quinto

I quattro rintracciati e condannati per omicidio hanno trascorso la notte al carcere di Rebibbia, e sono già conosciuti dalle forze dell’ordine: sono tutti residenti ad Artena, ed hanno un’età compresa tra i 22 ed i 26 anni, ossia Marco e Gabriele Bianchi, Mario Pincarelli e Francesco Belleggia, che dovranno rispondere dell’accusa di omicidio preterintenzionale. Dopo aver pestato a sangue la vittima secondo le ricostruzioni sarebbero scappati a bordo di un SUV. Per loro si attende nella giornata di domani mattina l’interrogatorio di convalida davanti al gip, e mercoledì sarà effettuata l’autopsia sul copro del giovane di origini capoverdiane presso l’istituto di medicina legale di Tor Vergata.
Dalle indagini le motivazioni della lite sfociata in rissa sono riconducibili ad una ragazza presente nel locale, altri due ragazzi presenti sul luogo sono stati feriti ricevendo 10 giorgni di prognosi.


Lo sconforto

Figli di immigrati capoverdiani, viveva a Paliano, dove Willy era ben voluto anche nella località dove è accaduto il fatto, ossia Colleferro: la pagina facebook del comune ha comunicato: “Sconforto e disperazione. Questo è quello che prova in questo momento la nostra Città per la perdita del nostro Willy: uno splendido ragazzo che si è trovato nel posto sbagliato, nel momento sbagliato“, e anche l’AS Roma, squadra per la quale il giovane era molto tifoso ha espresso cordoglio attraverso il profili twitter della società giallorossa: “Sognava di poter indossare un giorno la maglia della sua amata As Roma. Questo sogno è stato spezzato la notte scorsa, nel modo più tragico e brutale possibile. I nostri pensieri vanno alla famiglia e agli amici di Willy. Riposa in pace, Romanista“.