Principali cure per le rose da giardino: ecco cosa devi fare

Le rose fanno parte della famiglia delle Rosacee che comprende circa 150 specie. È uno dei fiori che più troviamo nei giardini. Non sono difficili da coltivare ma hanno bisogno comunque di cure adatte.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Principali cure per le rose da giardino: ecco cosa devi fare

Innanzitutto le rose vanno piantate in autunno o in primavera e devono essere interrate a 4-5 centimetri e con una distanza di almeno 60 centimetri tra una e l’altra.

Se invece si parte dal seme, bisogna interrarli tra dicembre e gennaio.

Tipo di terreno e concimazione 


Le rose hanno bisogno di un terreno ben drenato e ricco di sostanze organiche. Ha bisogno di luce ma non deve essere esposta direttamente ai raggi solari.

La concimazione del terreno deve avvenire durante il periodo vegetativo e non appena iniziano a comparire i primi boccioli.

Quando e come innaffiare le rose 

La rosa va annaffiata evitandi di bagnare foglie e fiori, quindi bisogna bagnare solo il terreno.

In estate va innaffiata una volta al giorno, mentre in inverno, se piove spesso non deve essere innaffiata. Durante le altre stagioni invece bisogna innaffiarla solo quando il terreno diventa secco e bisogna stare attenti a non creare dei ristagni idrici.

Potatura 

Bisogna sempre eliminate i fiori appassiti per permettere ai nuovi boccioli di svilupparsi. Quindi la rosa va potata a febbraio/marzo quando il clima è freddo o a fine autunno quando il clima è mite.

Fioritura

I boccioli non vanno mai raccolti ancora chiusi. L’ora migliore per svolgere questa attività è tra le 15 e le 17. Le rose già sbocciate, per non farle appassire devono essere messe in un vaso pieno d’acqua, non del rubinetto, perché pieno di calcare.

Un’altra cosa da sapere prima di piantare le rose è che devono essere protette dal freddo invernale. Anche se vanno nel cosiddetto riposo vegetativo, si deve comunque fare attenzione.