Se hai a casa questo alimento, potrai creare uno straordinario fertilizzante

Oggi ti voglio parlare di uno straordinario fertilizzante: si tratta di un prodotto che ognuno di noi conserva in cucina o in frigorifero. Si tratta della carota, o meglio delle bucce di carota. Questo fenomenale ortaggio non solo fa bene all’essere umano ma aiuta a dare i nutrimenti essenziali anche alle piante.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Questo collegamento ci fa capire quanto siamo legati al mondo che ci circonda e quanto siamo simili alle piante e agli animali. Le sostanze contenute nelle carote ovvero vitamine, minerali e proteine fungono da fattore salutare al benessere delle piante tanto da diventare uno dei fertilizzanti più conosciuti e apprezzati.

Quando prepariamo una carota per cucinarla, lessarla o mangiarla cruda siamo soliti tagliare la buccia per evitare di mangiare qualsiasi tipo di pesticida. Quindi la gettiamo nel contenitore dell’umido e termina lì la sua funzione. Però, possiamo riciclare le bucce per fertilizzare il terreno su cui vivono le nostre piante e favorire loro il benessere.

Uno straordinario fertilizzante: le carote

Se vogliamo usare le carote alla stregua di uno straordinario fertilizzante dovremo sceglierne una variante biologica. Solo in questo modo saremo sicuri di fornire il giusto apporto nutriente alle nostre piante e non di avvelenarle con materiali pesanti e tossici. Le carote biologiche, inoltre, non faranno bene solo alla salute delle piante ma anche alla nostra e a quella di tutta la famiglia.

Quello che dovremo fare sarà mettere le bucce di carota all’interno di un contenitore sul quale verseremo dell’acqua a temperatura ambiente. Non dobbiamo riscaldare l’acqua altrimenti i nutrienti in essa contenuta evaporeranno. Lasciamo le bucce di carota in immersione il più possibile, meglio se la lasciamo addirittura una notte intera.

La mattina successiva dovremo filtrare l’acqua e inserire la miscela in un contenitore. Ora potremmo passare a innaffiare le nostre piante con il composto creato. L’innaffiatura acqua e succo di bucce di carota andrà fatto sulle piante più delicate, come per esempio le orchidee, così che non si alteri il PH del terriccio.

Alle piante più resistenti, invece, potremmo tranquillamente mescolare nel terreno le bucce di carota che abbiamo avanzato frullandole così da ottenere una specie di purea. Le dobbiamo mettere su un terreno umido e poco soleggiato così che non possa provocare la proliferazione di batteri o degli attacchi da parte dei parassiti.

Il fertilizzante alle carote nell’orto

Possiamo usare le carote per proteggere il nostro orto? Se abbiamo altre verdure nell’orto meglio non utilizzare la miscela o la purea ottenuta dalle bucce di carota. Molti insetti, le farfalle, le talpe e anche i topi campagnoli sono molto ghiotti della verdura e potrebbero essere attirati dalla sua fragranza zuccherina.

Pertanto, onde evitare di attirare animali o insetti nel nostro orto, preferiamo altri tipi di concimi e fertilizzanti. Tra l’altro l’acidità di terreno riservata alle verdure è particolare e non dobbiamo andare a creare nessun tipo di squilibrio. Quindi per concludere il liquido acqua e carota o la purea sono uno straordinario fertilizzante per le piante a fiore ma sono da evitare nel nostro orto casalingo.