Nessuno lo sa, ma ecco perché alcuni piccioni sono senza zampa

I piccioni sono ovunque, che siano in città o in periferia, la loro presenza è sempre costante. Nelle città di tutto il mondo è facile imbattersi in piccioni con zampe mutilate ma il motivo, finora ignoto e adesso svelato da una ricerca effettuata. Ma scopriamo perché.

Piccioni con le zampe mutilate: la colpa è nostra

I piccioni di città vivono all’aperto e sono diffusi a livello mondiale, e per questo in moltissime città non sono visti con molta simpatia dagli abitanti, perché trovano il loro rifugio tra i nostri tetti e cornicioni. Sono stati effettuati degli studi per creare di capire quale sia la possibile causa della loro mutilazione. I risultati della ricerca hanno confermato che la causa della loro mutilazione sarebbero proprio i nostri capelli.

Lo studio e i risultati

Il team, dopo aver osservato i piccioni, ha scoperto che spesso gli animali avevano fili e capelli umani avvolti intorno alle zampe. Questo particolare molto importante, ha portato alla conclusione che quasi certamente fossero proprio i capelli la causa della caduta delle dita degli uccelli. Questo perché interrompono la circolazione alle zampe. Per ciò è stato scoperto, infatti, che il numero più alto di zampe mutilate erano presenti in piccioni nelle zone a maggior densità di popolazione. Andando più nello specifico, è evidenziato un’importante relazione fra numero di negozi di parrucchieri presenti in un isolato ed il numero di piccioni con le dita mutilate, che aumentava proprio in queste zone.

Nessuno lo sa, ma ecco perché alcuni piccioni sono senza zampa

I ricercatori, a fine ricerca, dimostrano che i capelli tagliati dai parrucchieri sono rimossi dai servizi di raccolta dei rifiuti con i rifiuti domestici. Ma, durante questo processo, ci aspettiamo che i capelli tagliati residui finiscano lateralmente e sui marciapiedi. Di conseguenza, capita che i piccioni, quando passeggiano per i marciapiedi, si impiglino le zampe nei capelli che trovano per terra. Il fenomeno delle dita dei piccioni incastrate nei capelli umani si chiama “stringfeet”, ossia strozzapiedi, e si verifica quando i capelli umani formano un nodo intorno alla falange, provocando una strozzatura all’altezza delle falange. Questo provoca l’interruzione della circolazione del sangue in quel punto, che va quindi in necrosi, e di conseguenza cade.

Una possibile soluzione

Il team, inoltre, ha suggerito che più spazi verdi potrebbero avvantaggiare la popolazione di uccelli, vista da molti abitanti delle città come parassiti. I piccioni in realtà servono alla scienza. Sono vissuti da sempre a contatto con l’uomo e sono un indicatore per i ricercatori. Il team afferma che misurare gli impatti dell’inquinamento urbano sulla biodiversità è importante per identificare potenziali adattamenti e mitigazioni necessari per preservare la fauna selvatica anche nei centri urbani.