Nord Corea, grave crisi economica.

La Corea del Nord si trova in una gravissima crisi economica, lo ammette così il leader nordcoreano Kim Jong Un.

Inoltre, chiede al partito dei lavoratori, al potere nel paese Asiatico di trovare delle misure urgenti per rimediare.

Il leader, ha inoltre affermato che è il momento di dare una svolta decisiva, allo sviluppo economico del paese.

Le dichiarazioni del dittatore nordcoreano arrivano dopo l’apertura di una riunione plenaria del partito e a poche ore, dalla scadenza dell’ultimatum imposto da Pyongyang agli USA.

Il regime nordcoreano ha sostenuto che se entro la fine dell’anno Washington non ridurrà

le sanzioni avrà un temibile ”regalo di natale”.

L’amministrazione degli Stati Uniti ha gentilmente respinto l’ultimatum, ribadendo comunque la disponibilità al dialogo con i nordcoreani.

La Corea del Nord è uno dei paesi più ermetici del mondo.

Sebbene, si sappia delle difficoltà economiche e le sanzioni politiche che hanno provocato non ci sono dati ufficiali della situazione.

Secondo il Business Insider, un lavoratore asiatico guadagna meno di 2000 dollari all’anno e che gli abitanti pagano fino a 17 mila dollari per potere scappare.

Il quotidiano The Washington Post ricorda che nel 2012 le tariffe erano più basse tra 2000 e 3000 dollari.

Un report coreano, sostiene che nel 2018 la percentuale di nordcoreani che soffrono di denutrizione è di 43%.

Un totale paradosso, poichè nel sottosuolo nordcoreano ci sarebbero risorse minerarie di miliardi di dollari.

Il sito Quartz sostiene che il paese conta giacimenti di ferro, oro, zinco e altri metalli preziosi, e che il paese gestisce queste risorse in maniera inefficiente.

Nonostante pochi cittadini possano usufruire di internet, gli hackers della Corea del Nord hanno rubato oltre 670 milioni di dollari.

Un rapido esempio, è il colpo alla Banca Centrale del Bangladesh per 81 milioni di dollari.

Tutta via, questa grave crisi economica che attraversa la Corea del Nord, il leader continua nella sua vita piena di lussi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *