Military diet: ecco il menù per perdere peso in 3 giorni

siam.pukkato@gmail.com

Quando si vuole perdere qualche chilo velocemente, la dieta militare è quella che fa al caso nostro. Si tratta di un regime dietetico molto severo, che può essere praticato solo per pochi giorni, ma che promette di determinare una perdita di peso.

Si tratta di una dieta che arriva direttamente degli Stati Uniti. Una dieta che è stata definita così per il suo rigore nelle regole da rispettare. Come già detto si tratta di una dieta che può essere seguita solo per pochi giorni, ancora più precisamente per soli 3 giorni.

E’ un regime alimentare che grazie alla combinazione di alcuni alimenti accelera il metabolismo e permette di bruciare i grassi.

La dieta militare determina una perdita di peso sin da subito. Si possono perdere da 2 fino a 4,5 kg in una settimana. Non è necessario accostare a questa dieta attività fisica, è sufficiente seguirla alla lettera per perdere peso.

Questa dieta di basa sull’accostamento di alimenti poveri di grassi e ricchi di proteine.

Al termine di questi tre giorni ci si sentirà meno appesantiti e nella maggior parte dei casi si verificherà effettivamente una perdita di peso.

Ovviamente non è una dieta priva di controindicazioni, ci teniamo a specificare che ogni soggetto è a sé, per cui prima di intraprendere questa dieta sarebbe consigliabile rivolgersi al proprio medico. Non è adatta a tutti.

Come funziona la dieta militare?

Questa dieta prevede tre pasti principali. È fondamentale bere molta acqua durante il corso della giornata. Si può consumare o caffè quando indicato ed esclusivamente senza zucchero. Dopo i tre giorni di dieta ristretta, si possono integrare gradualmente e in piccole quantità altre tipologie di alimenti come cereali integrali e legumi.

Menù dei 3 giorni

Giorno 1

  • Colazione: mezzo pompelmo, una fetta di pane tostato con il burro di arachidi accompagnati da caffè o tè senza zucchero.
  • Pranzo: 100 grammi di tonno con una fetta di pane tostato e un caffè.
  • Cena: 200 grammi di carne bianca, 100 grammi di fagiolini e 100 grammi di barbabietole, una mela piccola e due palline di gelato gusto vaniglia.

Giorno 2:

  • Colazione: un uovo sodo, mezza banana, una fetta di pane tostato il tutto accompagnato da un caffè.
  • Pranzo: 200 grammi di fiocchi di latte, 5 cracker meglio se integrali e un caffè.
  • Cena: 2 wurstel, 200 grammi di broccoli bolliti, 100 grammi di carote e due palline di gelato alla vaniglia.

Giorno 3:

  • Colazione: 5 cracker integrali, 30 grammi di formaggio gruviera o in alternativa 50 grammi di formaggio spalmabile, una mela piccola e un caffè.
  • Pranzo: un uovo sodo con una fetta di pane tostato.
  • Cena: 200 grammi di tonno, 100 grammi di cavolfiore lesso, 100 grammi di barbabietole, mezza banana e due palline di gelato gusto vaniglia.

Alternativa vegetariana

La dieta militare base prevede l’introduzione di molte proteine di origine animale, per cui non è adatta a chi segue un regime alimentare vegetariano. Nonostante ciò è possibile sperimentare l’alternativa vegetariana andando a sostituire, ad esempio, il tonno con mezzo avocado e due cucchiai di hummus di ceci. Mentre a cena si potrebbe andare a  consumare il tofu. L’uovo sodo, invece, può essere sostituito con dei fagioli e i wurstel possono essere sostituiti con la loro variante vegana.