Bere acqua fredda fa male: ecco cosa accade al nostro corpo

Quando fa molto caldo si desidera bere un bel bicchiere d’acqua fredda. In generale, nel periodo più caldo, si tende a consumare un quantitativo maggiore di bevande ghiacciate. E’ risaputo che idratarsi a sufficienza è di fondamentale importanza per il nostro organismo, ma è anche molto importante non ricordare che il nostro organismo ha una propria temperatura interna.

Nel periodo estivo, quando l’afa si fa sentire, bere una bibita con l’aggiunta di ghiaccio sembra dare immediato sollievo, sembra dissetarci di più, in realtà non è del tutto vera questa credenza. Ad ogni modo bere acqua molto fredda non è un’abitudine molto salutare.

Ci sono sicuramente dei pareri discordanti riguardo questa questione, c’è chi sostiene che bere acqua fredda sia dannoso per la nostra salute, mentre altri sostengono che, addirittura, bere l’acqua fredda possa far dimagrire, ad esempio. Il consumo di acqua fredda è sicuramente un’abitudine per molti di noi, ma darebbe meglio preferire “acqua a temperatura ambiente”.

Dobbiamo ricordare che il nostro organismo e, in particolar modo il nostro stomaco, hanno una propria temperatura interna. Per non determinare effetti negativi sul nostro organismo sarebbe meglio alterarla il meno possibile. Quando mangiamo alimenti troppo caldi o troppo freddi e quando beviamo l’acqua molto fredda, l’impatto termico sullo stomaco è notevole. Questo impatto termico ostacola il processo digestivo e allo stesso tempo lo stomaco si ritrova a dover affrontare un sovraccarico di lavoro non indifferente.

Bere l’acqua fredda fa male?

La risposta sembrerebbe essere si. Bere acqua molto fredda può determinare degli effetti negativi sul nostro organismo. Sarebbe sempre meglio preferire acqua a temperatura ambiente, l’acqua fredda:

  • offre refrigerio istantaneo, ma non duraturo;
  • intensifica lo sensazione di sete;
  • può rallentare la digestione;
  • se bevuta durante un pasto o anche subito dopo, può provocare una congestione;
  • può determinare mal di testa e nevralgie;
  • amplifica la sensibilità dentale;
  • aumenta la sudorazione;
  • non fa dimagrire, come spesso invece si è supposto.

Riguardo questo ultimo punto è bene fare una piccola precisazione. Spesso capita di leggere, in giro per il web, che l’acqua fredda faccia dimagrire perché va ad accelerare il processo metabolico sfruttando un l’effetto della termogenesi. Il corpo subendo un raffreddamento, consuma calorie per riportarlo alla temperatura ottimale. Tuttavia, alcuni studi che sono stati effettuati hanno attestato che la termogenesi avviene anche se beviamo l’acqua a temperatura ambiente, in questo modo non andremo incontro a delle complicanze.

Effetti sull’organismo a seguito al consumo di acqua fredda

  1. Mal di stomaco e gonfiore

Bere acqua fredda durante un pasto può provocare mal di stomaco e gonfiore addominale. Questo accade perché alcuni degli alimenti che mangiamo, quando vengono a contatto con l’acqua fredda, si espandono, dunque aumentano di volume e lo stomaco può apparire più gonfio e in alcuni casi si avverte dolore.

Anche bere l’acqua fredda subito dopo il pasto non è indicato. Il rischio è quello di presentare forti indigestioni. Questo è dovuto al fatto che andiamo a sconvolgere la temperatura interna dello stomaco nel momento in cui sta iniziando la digestione. Un’altra conseguenza è che con l’acqua fredda si può alterare lo stato di alcuni alimenti, ad esempio i grassi tendono a solidificare e in questo modo impiegheranno più tempo per essere digeriti.

2. Dolore a denti, cuore e gola

Bere acqua fredda è sconsigliato a coloro che presentano denti e/o gengive sensibili. L’acqua fredda può accentuare questi sintomi. L’acqua fredda, inoltre, può rallentare i battiti cardiaci e può provocare anche costipazione e irritazione della gola.

3. Congestione

Nei casi più gravi, anche se abbastanza rari, bere dell’acqua molto fredda, specialmente quando l’organismo è molto accaldato, potrebbe determinare una congestione. La congestione si manifesta quando l’organismo subisce un brusco cambiamento di temperatura, in particolar modo lo stomaco. Il consiglio è quello di consumare acqua a temperatura ambiente quando si è molto accaldati, ad esempio quando si fa sport e si suda.

In estate questi rischi sono sicuramente più accentuati, in quanto il nostro organismo di per sé presenta una temperatura più elevata.