La pasta frolla si mette in frigo? Ecco la risposta

La pasta frolla è una delle preparazioni base della pasticceria, la si può utilizzare per tantissimi dolci, tutte molto golose, ed è anche molto semplice da preparare. Viene utilizzata per preparare dei golosissimi biscotti, ottimi anche per accompagnare un tè o una tisana, oppure sempre con la frolla si preparano delle gustosissime crostate, insomma è fondamentale in pasticceria saperla preparare e saperla anche conservare. In questo articolo vedremo prima come la si prepara, che ingredienti occorrono e poi anche come la si può conservare una volta preparata.



Esistono diverse varianti della pasta frolla, basta aggiungere o modificare parte degli ingredienti, ad esempio esiste la frolla al cacao, frolla senza glutine, oppure si può utilizzare la farina integrale, ai cereali, la si può fare speziata aggiungendo della cannella, insomma in tantissimi modi differenti. Gli ingredienti che servono per preparare la pasta frolla sono facilmente reperibili servono solo le uova, il burro, lo zucchero e la farina. Vediamo come prepararla.

Pasta frolla – Ingredienti

  • Uova: 110 g (2 uova)
  • Farina 00: 500 g
  • Zucchero a velo: 200 g
  • Burro freddo di frigo: 250 g
  • Scorza di un limone non trattato

Pasta frolla – Preparazione

Per preparare la pasta frolla iniziamo versando la farina in un mixer insieme al burro freddo tagliato a pezzetti. Azionate le lame a più riprese fino ad ottenere un composto sabbioso. Si può anche preparare a meno, ma utilizzando un mixer ad intermittenza l’impasto non si scalderà eccessivamente. Unite lo zucchero a velo e l’uovo leggermente sbattuto e la scorza di un limone non trattato.

Azionate nuovamente il robot per pochi istanti a bassa velocità. Non appena il composto si sarà amalgamato trasferitelo sulla spianatoia.

Compattate velocemente con le mani e avvolgetelo nella pellicola trasparente lasciandolo riposare in frigorifero per almeno mezzora. Trascorso questo tempo la frolla è pronta per essere utilizzata come più vi piace.

Pasta frolla – Consigli utili

La pasta frolla si può conservare in frigorifero per 3-4 giorni. In alternativa si può congelare per 1 mese al massimo.

Per ottenere una frolla più friabile potete utilizzare solo tuorli. Se l’impasto non si compatta bene potete aggiungere un po’ di burro.

Lo zucchero a velo conferisce una consistenza fine; quello semolato invece donerà un effetto alveolato all’impasto cotto.

Si può aggiungere anche un po’ di miele (con queste dosi basteranno 10-20 grammi): la frolla acquisterà un bel colorito dorato.

Aggiungendo un pizzico di lievito per dolci otterrete una frolla più morbida e friabile.

La pasta frolla si presta benissimo ad essere aromatizzata come meglio si preferisce. In aggiunta, o in sostituzione, al limone si può utilizzare la scorza d’arancia. Oppure i semi di una bacca di vaniglia o altre spezie dolci, come la cannella.

La pasta frolla si mette in frigo? Ecco la risposta

La risposta al quesito è si, la pasta frolla dovrebbe essere riposta nel frigorifero almeno mezz’ora prima di andarla ad utilizzare, questo perché durante la preparazione, il burro tende a sciogliersi, e si farà difficioltà a stenderla, si rompe la frolla e i vostri dolci esteticamente non saranno bellissimi, inoltre farete molta più fatica.

Mentre, ponendola in frigorifero per un pò di tempo, il burro che si era sciolto con il calore delle mani o con il calore del mixer utilizzato, si ricompatta e si indurisce nuovamente, e voi farete meno fatica per stenderla.

La pasta frolla può anche essere preparata in anticipo, magari il giorno prima, e la potete conservare nel frigorifero per massimo un paio di giorni. Se invece l’avete preparata con ingredienti freschi, ma poi non l’avete utilizzata o vi è avanzata, potete addirittura congelarla, resterà come appena fatta anche per alcuni mesi, vi basterà solo scongelarla al momento del bisogno.