Como , ucciso Don Roberto Malgesini, “il prete degli ultimi”

Terribile notizia per la comunita comasca, che ha dovuto assistere alla notizia della morte di Don Roberto Malgesini originario della Valtellina, apprezzato parroco 51enne che è stato accoltellato stamattina alle 7 in piazza San Rocco, non lontano da dove il parroco era solito recarsi e vicino alla propria abitazione.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Aggressione

L’aggressore conosceva la vittima, e sembrerebbe essere un uomo di 53 anni di origine tunisine con problemi psichici che aveva già ricevuto diversi decreti di espulsione fin dal 2015 ha colpito con un coltello l’uomo riportandogli diverse ferite di cui una che è apparsa subito letale al collo: i soccorsi intervenuti subito dopo non hanno potuto fare altro che costatarne il decesso, e dopo circa un’ora dal fatto l’autore dell’omicidio si è costituito presso una caserma dei Carabinieri, adesso sul caso è stato aperto sul fascicolo dal pm Massimo Astori.

Sgomento nella comunità

Don Malgesini era molto apprezzato da tutta la comunità, tanto da venire soprannominato “il prete degli ultimi” e definito da molti un vero prete di strada per la spiccata vocazione religiosa e il supporto alle comunita di migranti che piangono la prematura dipartita del prete. L’intera comunità migratoria in particolare ha rivolto parole di ringraziamento all’uomo, dopo che in molti si sono recati sul luogo del delitto; tra i tanti presenti rimasti scolvolti dall’accaduto, la testimonianza d un uomo di origine ghanese che ha riferto di essere arrivato intorno alle 7.30 con il corpo dell’uomo in terra inerme.
Don Malgesini che aveva dedicato la propria vita ad aiutare i meno fortunati, ed ha trovato una morte inaspettata, proprio mentre stava iniziando a fare il giro dell colazioni di prima mattina, tant’è che l’auto dell’uomo era già piena di viveri che sarebbero stati distribuiti alla comunità.
Il vescovo Oscar Cantoni si è recato sul luogo, benedicendo la salma del Don, omaggiandolo con queste parole: “Curava la situazione di queste persone,e ra un sacerdote volto al volontariato sociale e lo faceva nel miglior modo possibile, era un pezzo di pane“, il sindaco Mario Landriscina ha deciso di proclamare il lutto cittadino.