La Roma sta facendo un nuovo tentativo per riportare Chris Smalling nella rosa di Fonseca. Il tecnico ha dichiarato esplicitamente, prima della partita contro il Verona, che il giocatore è in contatto con la società e che lo staff spera di averlo di nuovo a disposizione presto. Una ulteriore pressione verso il Manchester United che però non cambia di una virgola la propria posizione sull’offerta necessaria a strappare il difensore ai Red Devils.

Roma, nuovo tentativo per Smalling: il tempo stringe

Oggi è Transfermakt a riferire di un ultimo rialzo della Roma nell’offerta per Smalling. Secondo il portale specializzato in quotazioni e notizie di calciomercato, il club giallorosso sta valutando di alzare l’offerta presentata ai Red Devils, anche in considerazione del fatto che molto denaro non verrà più investito per sostituire Dzeko, rimasto in rosa dopo che la Juventus ha virato su Morata. Per Transfermarkt la Roma è pronta ad aggiungere altri 7.5 milioni di Euro alla prima offerta da 12 milioni, avvicinandosi più che sensibilmente alla richiesta di 20 milioni più 5 di bonus che il club inglese aveva avanzato ad inizio settembre.

Nonostante Solskjaer continui a smentire l’arrivo di offerte di valore congruo al livello richiesto, il fatto che Smalling sia stato escluso dalla rosa che ieri ha affrontato il Luton nella Carabao Cup può essere interpretato come un segnale dell’imminenza della sua cessione. Fonseca si trova abbastanza in emergenza dietro, se si considera che a Verona ha dovuto schierare Cristante da difensore centrale tra Ibanez e Mancini, con Karsdorp e Zappacosta sulle fasce a svolgere il doppio ruolo di terzini ed esterni di centrocampo a supporto degli attaccanti. Kumbulla ha necessità di ambientarsi e acquisire gli automatismi del nuovo sistema di gioco: l’arrivo di Smalling consentirebbe a tutti di tirare un sospiro di sollievo.

Comments are closed.