La curcuma fa davvero dimagrire? La risposta che devi sapere

La curcuma è una spezia che si ricava dalle radici di una pianta che cresce spontanea nelle regioni tropicali, necessita di temperature calda per la sua crescita ottimale, ma allo stesso tempo un clima caratterizzato da molte precipitazioni. Questa spezia ancora oggi è molto utilizzata per i suoi numerosi benefici. La si ritrova in commercio sotto forma di polvere dal colore giallo. Il suo colore giallo è dovuto all’elevata presenza di Curcuminoidi, che sono dei pigmenti responsabili con importanti proprietà terapeutiche. Il componente principale della curcuma è la curcumina. La curcumina presenta un elevato potere antiossidante in grado di prevenire lo sviluppo dei radicali liberi, con un ritardo dell’invecchiamento cellulare.

Il potere dimagrante della curcuma

La curcuma è una spezia ricca di vitamine, in particolar modo le vitamine appartenenti al gruppo B oltre che le vitamine C, E e K. Apporta anche una buona percentuale di minerali.

Aiuta a bruciare i grassi: questa azione è dovuta alla presenza della curcumina che va ad agire direttamente sulle cellule adipose stimolando, così, l’organismo a bruciare più velocemente i grassi accumulati.

Supporta il lavoro svolto dal fegato: favorisce la depurazione, permette di eliminare le tossine accumulatesi nell’organismo. Una delle tante funzioni del fegato è proprio quella di metabolizzare i grassi che introduciamo con l’alimentazione.

Favorisce la digestione e previene il gonfiore addominale: migliorando la digestione si evitano che avvengano le fermentazioni nell’intestino e dunque, di conseguenza, si previene la sensazione di gonfiore addominale.

Evita i picchi glicemici e il senso di fame: la curcuma aiuta a regolare il senso di sazietà per questo motivo può essere utile da inserire in un regime dietetico quando si segue una dieta. Questa regolazione del senso di sazietà è dovuta al fatto che non genera picchi glicemici, per cui aiuta a tenere sotto controllo la glicemia. Adatta quindi anche a chi è affetto da diabete.

Azione antinfiammatoria: oltre ad avere degli effetti benefici sul grasso corporeo, ha anche la capacità di prevenire e curare eventuali infiammazioni dell’organismo, come ad esempio infiammazioni del sistema digerente e anche delle vie urinarie.

Aiuta ad eliminare i liquidi in eccesso: la curcuma favorisce il drenaggio, per cui le tossine e le scorie accumulate saranno eliminate più facilmente. Utile anche per ridurre la cellulite.

L’azione dimagrante che viene generalmente attribuita alla curcuma è una conseguenza indiretta della corretta funzione digestiva. Una secrezione gastrica ottimale favorisce il corretto svolgimento della digestione e determina un miglioramento nell’assimilazione dei nutrienti.

Al contempo il corretto funzionamento epatico determina un aumento della capacità disintossicante e depurativa del fegato e velocizza l’eliminazione delle scorie. Le tossine accumulate possono, infatti, rallentare il metabolismo e favorire un accumulo di liquidi e grassi.

Ricordiamo che non si tratta di un prodotto miracoloso, ma è un ingrediente che genera un accelerazione del metabolismo per le sue proprietà termogenetiche. Dunque brucia calorie sotto forma di calore. L’azione dimagrante vera e propria la si nota se questa spezia è introdotta in un regime dietetico sano ed equilibrato accompagnato da attività fisica.
Oggigiorno è possibile trovare in commercio, oltre che la spezia in polvere, anche degli integratori alimentari contenenti la curcumina, ad esempio sotto forma di compresse. In questo caso meglio chiedere un parere medico prima di iniziarne a fare uso.

Come utilizzare la curcuma per dimagrire?

La curcuma è una spezia che non viene facilmente assimilata dal nostro organismo, per questo motivo bisogna fare attenzione a come la si va ad assumere. Si consigli di associare questa spezia al pepe nero, o ancora meglio se associata ad un grasso, come ad esempio un olio. In questo modo il suo assorbimento sarà molto più agevole. In più, si ricorda, di utilizzare questa spezia a crudo, mai esporla a temperature troppo elevate.

Alcuni utilizzi potrebbero essere: aggiunta a preparazioni culinarie, come nelle zuppe, nelle salse, per la preparazione del Golden Milk, Oppure può essere utilizzata per la preparazione di tisane e infusi. Può anche essere preparato in casa l’olio di curcuma, composto da olio extra vergine di oliva e curcuma, posto a macerare per una settimana, e giornalmente mescolato. Oppure lo si va ad assumere sotto forma di integratore alimentare.

Dosi consigliate

Si consiglia di non eccedere con le dosi, in quanto tutti gli alimenti, seppur sani, possono determinare delle controindicazioni. Per favorire dell’effetto potenzialmente dimagrante si consiglia di assumere circa 400 mg di curcumina, due volte al giorno, per un massimo di 4 settimane.

Controindicazioni

Non siamo tutti uguali, per cui un prodotto che magari va bene per una persona non andrà bene per un’altra. Per cui si consiglia un parere medico prima di iniziare ad assumerla.
Si sconsiglia l’utilizzo a chi soffre di calcoli alla colecisti, calcoli biliari, problematiche legate alla coagulazione del sangue e ancora a chi soffre di patologie particolari.