Il cornetto integrale fa ingrassare? La risposta sconvolgente

La colazione è il pasto più importante della nostra giornata. Quando scegliamo cosa portare in tavola per farla al meglio, molto spesso optiamo per il cornetto integrale. Fa davvero bene alla salute? Nelle prossime righe di questo articolo, vediamo se il cornetto integrale fa ingrassare.

Il cornetto integrale fa bene alla salute?

Il cornetto integrale, di suo, a meno che non ci siano diagnosi di allergia o celiachia non fa né male né bene. Quello che bisogna sapere è che, a lungo andare, mangiare cornetto integrale fa ingrassare. Molto spesso, chi lo mangia pensa di fare una scelta utile alla linea per via del maggior contenuto di fibre. Oggettivamente sì, il cornetto integrale si contraddistingue per la presenza di dosi di fibre più alte, con ovvi vantaggi relativi all’attività intestinale (soprattutto se si tratta di fibre solubili).

Non è però meno calorico del cornetto preparato utilizzando farine raffinate. Non dimentichiamo poi che, quando si parla del cornetto integrale, si inquadra un prodotto di pasticceria la cui preparazione prevede l’utilizzo di ingredienti come la margarina, non certo il massimo per chi deve tenere sotto controllo il peso.

Da tenere conto, poi, è l’apporto calorico della farcitura. Giusto per dare qualche numero in merito, ricordiamo che una singola porzione di cornetto integrale apporta 185 calorie. Nel caso in cui si dovesse optare per un cornetto integrale al miele, bisogna tenere conto di un apporto energetico vicino alle 200 calorie.

Questo significa che, di base, il cornetto integrale non è dietetico. Attenzione: come già detto, questo non significa che debba essere eliminato dalla dieta, a meno di casi particolari. L’importante è sceglierlo bene, optando, se possibile, verso prodotti di pasticceria artigianale e alternando le tipologie di colazione.

Colazioni alternative al cornetto integrale

Per rimanere in forma, si consiglia di alternare le colazioni a base di cornetto integrale con primi pasti della giornata caratterizzati dall’assunzione di altri alimenti. Qualche consiglio? Le uova strapazzate. Da non dimenticare sono anche i pancake, che possono essere preparati pure senza zucchero e senza lievito (per quanto riguarda le soluzioni per sostituire quest’ultimo, il principale punto di riferimento è senza dubbio il bicarbonato).

Quando si parla di colazioni sane, non bisogna mai mettere in secondo piano il fatto che il primo pasto della giornata dovrebbe essere caratterizzato dalla presenza anche di vitamine. Per questo, non fa certo male aggiungere un frutto di stagione o una spremuta d’arancia o di altri agrumi.