Regione Lazio verso il coprifuoco dalle 24 alle 5. Didattica a distanza parziale

Con l’incremento sempre più netto di contagi relativi alla seconda ondata di coronavirus, anche la regione Lazio sembra voler adottare la stessa linea decisa altre regioni particolarmente colpite, ossia Lombardia e Campania che hanno chiuso partialmente o totalmente le scuole e attivato un coprifuoco notturno.



Firma vicina

Il governatore della regione Lazio e segretario del Partito Democratico Nicola Zingaretti firmerà nelle prossime ore il provvedimento che attualmente è in fase di bozza, che di fatto proibirà la circolazione di veicoli e persone, se non per “stretta necessità” nelle ore comprese dalle 24 alle 5 del mattino. E’ molto probabile che per aver accesso alla circolazione in questa fascia oraria venga attuata un’autocertificazione non dissimile da quella utilizzata durante il periodo del lockdown totale.
La decisione è stata presa dopo il numero di contagi nel Lazio che ha superato quota 1200 oggi, con un rapporto di tamponi effettuati/positivi del 5,9 %, non elevato come quello della Lombardia (superiore al 10 %) ma comunque in crescita.

Didattica a distanza

Il nuovo provvedimento regionale influirà anche sulle scuole e università: per queste ultime viene introdotta la didattica a distanza al 75%, eccezion fatta per le matricole e per coloro che frequentano laboratori formativi; “Dad” al 50% anche per gli istituti superiori, sempre ad eccezione del primo anno. I trasporti verranno rimodulati per creare un’alternanza costituita da turni pomeridiani.