“Non mangiare tonno in scatola!”: attenzione, ecco cosa può accadere

Quando si parla di alimentazione sana, tra i consigli che si sentono più frequentemente rientra il fatto di non mangiare tonno in scatola. Se vuoi sapere come mai, nelle prossime righe di questo articolo puoi trovare diverse informazioni utili.


Entra gratis nel nostro Canale Telegram

Mangiare pesce: perché è importante

Prima di capire perché è il caso di non mangiare tonno in scatola, è il caso di fre un attimo una rassegna dei motivi per cui mangiare pesce è importante. Prima di tutto, è il caso di citare l’apporto di proteine. Questi principi nutritivi sono importantissimi per la salute per diversi motivi.

Assumere un’adeguata dose di protidi permette di preservare la massa magra. Doveroso è citare il ruolo delle proteine ai fini del mantenimento del peso. Questi nutrienti aiutano infatti a inibire la sintesi della grelina, ormone associato a un aumento dell’appetito.

Non bisogna poi trascurare il capitolo dei grassi buoni, che possiamo trovare in pesci come il tonno (e non solo). Entrando nel vivo dei nutrienti in questione, citiamo gli omega 3, fondamentale per prevenire le patologie cardiovascolari grazie alla prevenzione dell’ossidazione del colesterolo LDL. Inoltre, dati scientifici alla mano, gli omega 3 rappresentano degli alleati fondamentali per il miglioramento del tono dell’umore e dell’efficienza della memoria.

Detto questo, cerchiamo di capire come mai è il caso di evitare di consumare il tonno in scatola.

Tonno in scatola: perché è bene evitarlo

Perché non mangiare il tonno in scatola? I motivi per cui è meglio acquistarlo fresco sono diversi. Tra questi è possibile citare il contenuto di sodio. In una singola scatoletta di tonno è possibile trovare fino a 600 mg di questo minerale.

Se si considera che, secondo i parametri dell’OMS, la dose massima quotidiana consigliata è pari a 2 grammi, è facile capire che, se si ha intenzione di prevenire le problematiche che l’eccesso di questo minerale comporta, è bene assumere con moderazione il tonno in scatola o, se il medico lo consiglia, evitarlo totalmente.

Tra gli altri motivi per i quali vale la pena fare attenzione alla quantità di tonno in scatola che si assume rientra la presenza di metalli pesanti. I tonni, mangiando i pesci di piccola taglia, sono soggetti a un fisiologico aumento delle quantità di mercurio. Come ricordato dagli esperti dell’OMS, questo metallo pesante può, anche in quantità non alte, causare danni al sistema digestivo, ai reni e alla pelle. In caso di dosi davvero alte, si può avere a che fare con rischi per il cuore.