Cosa succede se mangi due carote al giorno? Ecco la verità

Le carote sono ortaggi estremamente popolari. Radici della pianta Daucus carota, sono versatili in cucina e caratterizzate da numerosi e interessanti benefici. Cosa succede se mangi due caroti al giorno? Nelle prossime righe di questo articolo, puoi trovare la risposta a questa domanda.


Entra gratis nel nostro Canale Telegram

Carote: cosa succede a mangiarne due al giorno

Al netto delle situazioni di allergia o intolleranza, mangiare due carote al giorno può rappresentare un’ottima scelta per la propria salute. Queste verdure, infatti, sono ricche di benefici importanti per la salute. Tra questi è possibile citare la presenza di beta-carotene, pigmento precursore della vitamina A avente un ruolo fondamentale per la bellezza della pelle. Degna di nota è anche la presenza di vitamina C (in 100 grammi di carote crude ne troviamo quasi 6 mg).

Il nutriente in questione ha un ruolo fondamentale al fine della lotta contro i radicali liberi e del miglioramento dell’efficienza del sistema immunitario. Rimanendo sempre nel campo degli antiossidanti presenti nelle carote, è il caso di citare la vitamina E o tocoferolo, che aiuta tantissimo a prevenire l’invecchiamento cutaneo.

Non c’è che dire: mangiare due carote al giorno – come già detto, queste verdure sono estremamente versatili e possono essere consumate in diverse occasioni – è un vero toccasana per la salute.

Per quanto riguarda gli altri effetti, da considerare è l’apporto di vitamina K, fondamentale per la buona coagulazione del sangue. Come non citare poi la presenza di folati, la cui assunzione è consigliata in caso di gravidanza o quando si cerca un bambino in quanto aiutano a prevenire i problemi a carico del tubo neurale del piccolo?

Un doveroso cenno quando si parla di cosa succede a mangiare due carote al giorno deve essere dedicato ai minerali. Tra i principali troviamo il potassio. Giusto per dare qualche numero in merito, facciamo presente che in 100 grammi di carote crude è possibile trovare oltre 300 mg di questo minerale, fondamentale per la regolarità pressoria e, di riflesso, per la salute del cuore.

Degna di nota è anche la presenza di fosforo, cruciale per trasformare in energia il cibo che assumiamo, ma anche quella di vitamine del gruppo B, che aiutano a migliorare l’efficienza del metabolismo.

Ricche anche di luteina, le carote, dati scientifici alla mano, no interagiscono con l’azione di alcun farmaco. Per togliersi dubbi in merito, è il caso di chiedere informazioni al proprio medico curante prima di introdurre le carote nella dieta.