Attenzione a mangiare aglio crudo: le conseguenze sono pazzesche

L’aglio è un bulbo ricco di benefici per la salute. Utilizzato come rimedio naturale ma anche in cucina, ha proprietà note da tempo immemore. Cosa succede a mangiare aglio crudo? Se ti stai facendo domande in merito, nelle prossime righe puoi trovare la risposta.

Aglio: mangiarlo crudo fa bene?

Mangiare aglio crudo fa benissimo alla salute. Anzi, per essere precisi è il caso di dire che, in generale, è meglio consumarlo crudo. Il motivo è molto semplice e riguarda il fatto che procedendo alla cottura dell’aglio si rischia di compromettere le sostanze nutritive preziose che questo bulbo contiene.

Tra le peculiarità che rendono l’aglio un eccellente alleato della salute è possibile citare i precursori dell’allicina, una sostanza contraddistinta da una forte efficacia antibatterica, antimicotica e antivirale.

Si potrebbe andare avanti ancora molto a parlare dei motivi per cui l’aglio e l’allicina in particolare fa bene alla salute! Da citare è per esempio l’efficacia per la salute cardiovascolare. L’allicina, infatti, aiuta a contrastare la rigidità dei vasi sanguigni e, nel contempo, a tenere sotto controllo la pressione.

Nel corso degli anni, l’aglio è stato messo al centro di diversi studi scientifici. Alcuni di questi, hanno messo in primo piano un suo potenziale ruolo nella riduzione dell’incidenza di alcuni tumori, come per esempio quello allo stomaco.

Non c’è che dire: mangiare aglio crudo è una scelta a dir poco speciale per la salute! Tra i motivi per cui è il caso di non cuocerlo rientra anche la presenza di vitamina C o acido ascorbico, fondamentale per tenere sotto controllo l’attività dei radicali liberi e per potenziare il sistema immunitario.

L’aglio, inoltre, è contraddistinto dalla presenza di vitamina A, la cui assunzione può rivelarsi molto utile al fine dell’acutezza della vista e del miglioramento della bellezza della pelle. Rimanendo sempre nel campo delle vitamine contenute nell’aglio, degna di un cenno è anche la presenza di niacina, tiamina e riboflavina. Stiamo parlando delle vitamine del gruppo B, la cui assunzione è fondamentale quando si tratta di ottimizzare l’efficienza del metabolismo.

Un cenno deve essere dedicato anche ai minerali. Tra questi è possibile citare il potassio, fondamentale per la regolarità pressoria e per la salute del cuore, il fosforo, che ci aiuta a trasformare in energia il cibo che assumiamo ogni giorno, e il calcio, fondamentale per la salute del cuore. Concludiamo facendo presente che l’aglio può interagire con l’azione dei farmaci anticoagulanti.