Afte: i rimedi per sconfiggerle

Lesioni della mucosa orale che si presentano come chiazze di colore bianco, le afte sono una problematica fastidiosa che può permanere anche per diversi giorni, addirittura fino a una settimana. Dal momento che, come già ricordato, sono tutto tranne che piacevoli, nelle prossime righe puoi trovare alcune preziose informzioni su come sconfiggerle e sul motivo per cui insorgono.

Afte: le cause della loro insorgenza

Le cause dell’insorgenza di afte sono varie. In alcuni casi, alla base della comparsa di queste lesioni ci sono traumi a carico del cavo orale. Qualche esempio? Le situazioni, molto frequenti, in cui ci mordiamo il labbro o la lingua. In questi frangenti ci procuriamo dei piccoli tagli che possono infettarsi e, a lungo andare, trasformarsi in afte.

Proseguendo con le cause dell’insorgenza di afte possiamo trovare anche un compagno fastidioso della giornata di tante persone: lo stress. Nel momento in cui entra a far parte della quotidianità, sconvolge tutto, intaccando anche l’efficienza del sistema immunitario, il che può portare alla formazione di afte.

Fondamentale è poi l’alimentazione. La carenza di alcuni nutrienti può infatti provocare l’insorgenza di afte. Quali sono questi nutrienti? La vitamina B8, la vitamina B12 e il ferro innanzitutto. Da non dimenticare è anche la prevenzione, che passa soprattutto dall’igiene orale. Detto questo, vediamo quali sono i principali rimedi contro le afte.

Rimedi contro le afte: quali sono?

Sono diversi i rimedi naturali che permettono di affrontare le afte. Tra questi è pospsibile citare il fatto di cospargere la zona in cui è presente la lesione con del miele. Come già detto, molte volte alla base dell’insorgenza di afte ci sono le conseguenze dello stress sul sistema immunitario. In questo caso, si può fare riferimento a diverse erbe immunostimolanti. Tra queste è possibile citare l’echinacea, che può essere assunta sotto forma di tintura madre, ma anche l’astragalo.

I rimedi naturali per sconfiggere le afte non finiscono certo qui! Tra le soluzioni in questione è possibile citare l’olio di cocco. Applicarlo è molto semplice: basta prendere un cotton fioc imbevuto e tamponare la zona della lesione. Grazie alle proprietà antimicrobiche dell’olio di cocco, è possibile apprezzare una riduzione delle lesioni.

Lo stesso si può dire per la camomilla, contraddistinta da importanti proprietà antinfiammatorie. In questo caso, si può applicare direttamente la bustina inumidita sulla lesione orale.