Mangiare pomodori abbassa la glicemia? Ecco la risposta dell’esperto

Anche se non si tratta esattamente di un frutto di stagione, dovremmo mangiare il pomodoro anche durante la stagione invernale. È sicuramente molto apprezzato per la realizzazione delle ricche insalate estive, ma dovremmo approfittare dei suoi benefici sulla nostra salute anche per tutto il resto dell’anno. Il pomodoro, per esempio, di ritiene che sia anche in grado di abbassare la glicemia. A sostenere questa tesi sono anche dei ricercatori americani che hanno recentemente pubblicato i loro studi sulla rivista “Diabetes care”. Ma è vero che il pomodoro è in grado di abbassare la glicemia? All’interno di questo articolo risponderemo a questa e ad altre domande.



Cos’è la glicemia?

Quando parliamo di livelli di glicemia, i diabetici sanno di cosa parliamo effettivamente. In termini abbastanza semplici è il valore che indica la quantità di glucosio, o zuccheri contenuti nel nostro sangue. Se, da una parte, il glucosio è fondamentale per il nutrimento delle cellule del nostro corpo, dall’altra non dovrebbe mai superare determinati valori. Il nostro organismo ha una specie di selettore naturale della glicemia, formato dagli ormoni ipoglicemizzanti. Sono loro ad essere in grado di abbassare i livelli di glicemia nel sangue. Il più noto tra questi ormoni è la famosa insulina. Un soggetto sano e con una vita regolare, normalmente ha dei valori glicemici che si aggirano tra i 60 e i 130 mg/dl di sangue. Se dicessero essere superiori c’è il rischio di diabete.

È vero che il pomodoro abbassa la glicemia?

Abbassare la glicemia con il pomodoro è possibile, mangiandolo, come l’insalata, prima della pasta o della carne. Infatti, secondo i ricercatori americani, il momento migliore della giornata per usufruire dei benefici del licopene è prima dei pasti. Il locopene è il nome della sostanza benefica contenuta nei pomodori, in grado di monitorare il livello glicemico. Nel dettaglio, il pomodoro assume una valenza ancora più importante quando viene mangiato prima dei carboidrati. Secondo i ricercatori americani, il pomodoro assunto prima della pasta è in grado di abbassare del 30% il livello di zuccheri nel sangue. Per beneficiare di questo abbassamento dobbiamo però mangiare pomodoro rigorosamente crudo, possibilmente fresco e non troppo maturo.

Anche la frutta fresca abbassa la glicemia

All’interno della ricerca di cui abbiamo parlato,, i medici americani consigliano anche di mangiare frutta e verdura fresche durante l’arco della giornata, ma stando però attenti a: banane, uva, cachi e fichi. Questi frutti succulenti e dolcissimi appena elencati hanno degli alti contenuti di zuccheri, che potrebbero alzare il livello della glicemia nel nostro sangue. Abbassare la glicemia con il pomodoro è davvero possibile, si deve però fare attenzione a non vanificarne l’effetto, sbagliando il tipo di alimentazione correlata.