Assumere zenzero tutti i giorni fa bene? La risposta ti lascerà a bocca aperta

Rizoma popolarissimo e appartenente alla famiglia delle Zingiberaceae, lo zenzero è versatile in cucina e fa parte dei rimedi di diverse branche della medicina tradizionale. Consumarlo tutti i giorni è pericoloso per la salute? Nelle prossime righe di questo articolo abbiamo riassunto la risposta.

Zenzero: gli effetti sul corpo

Come evidenziato dagli esperti del gruppo Humanitas, lo zenzero è un concentrato di principi attivi importantissimi per la salute. Tra questi è possibile citare la vitamina C o acido ascorbico, notoriamente fondamentale per tenere sotto controllo l’attività dei radicali liberi e per mantenere efficiente il sistema immunitario.

Ricco di vitamine del gruppo B – in particolare niacina, vitamina B6, riboflavina e tiamina – lo zenzero è contraddistinto anche dalla presenza di minerali super salutari. Tra questi spicca il potassio, che ricopre un ruolo cruciale quando si tratta di tenere sotto controllo la pressione arteriosa, con ovvi vantaggi per la salute del cuore.

Fonte di sodio, ferro, zinco, manganese e rame, lo zenzero ha una forte efficacia antinfiammatoria e antimicrobico. Inoltre, grazie al contenuto di gingeroli è in grado di ottimizzare la motilità intestinale. Quando lo si chiama in causa, è necessario citare anche la sua azione anti emetica.

Mangiare zenzero tutti i giorni fa male?

Lo zenzero può essere consumato in diversi modi. Esistono gli integratori in capsule, lo zenzero fresco, ma anche il rizoma fresco. Per quanto riguarda i primi, è bene specificare l’importanza di iniziare ad assumerli solo dopo aver chiesto consiglio al proprio medico curante.

In linea di massima, mangiare lo zernzero anche più volte a settimana, fatta eccezione per i casi di controindicazione di cui parleremo poi, non fa male. Giusto per fare uno dei tanti esempi possibili, ricordiamo uno dei più comuni impieghi dello zenzero, ossia il fatto di spolverizzarlo sulle insalate miste.

Come appena specificato, l’assunzione di zenzero ha diverse controindicazioni di cui è importante essere a conoscenza. In questo novero è possibile citare le terapie con farmaci come la ciclosporina, gli antidiabetici, gli antipertensivi.

Facciamo altresì presente che lo zenzero può incrementare la secrezione della bile. Alla luce di ciò, è opportuno assumerlo dopo aver consultato il medico se si soffre di calcoli alla colecisti e se si ha una predisposizione a questo problema.