Frasi del buongiorno: ecco le migliori di oggi 29 gennaio

Frasi del buongiorno – Buongiorno a tutti! Oggi è venerdì e questo significa solo che il weekend è molto vicino e quindi possiamo vivere questa giornata con maggiore allegria. Ed allora come è nostra consuetudine scambiamoci il buongiorno e condividiamolo con le persone a cui vogliamo bene. Ecco qui per voi una lista pronta da condividere.

Frasi del buongiorno: ecco le migliori di oggi 29 gennaio

  • Il modo migliore per realizzare un sogno è quello di svegliarsi.
    (Paul Valery)
  • La brezza del mattino ha segreti da dirti. Non tornare a dormire.
    (Rumi)
  • Ogni giornata è una piccola vita, ogni risveglio una piccola nascita, ogni nuova mattina è una piccola giovinezza.
    (Arthur Schopenhauer)
  • Non farò il difficile e anche se non sarà la felicità perfetta non farò lo schizzinoso. Mi prenderò tutta la felicità che posso prendere.
    (Charles Bukowski)
  • Ogni giorno è diverso dall’altro, ogni alba porta con sè il suo speciale miracolo, il suo istante magico, in cui si distruggono gli universi passati e nascono nuove stelle. I Navajo, infatti, insegnano ai loro bambini che ogni mattina il sole che sorge è un sole nuovo. Nasce ogni giorno, vive solo per quel giorno, muore alla sera e non ritornerà più. Dicono ai loro piccoli: il sole ha solo questo giorno, un giorno. Vivi bene la tua vita in modo che il sole non abbia sprecato il suo tempo prezioso.
    (Paulo Coelho)

     

  • Per essere felici bisogna allenarsi tutti i giorni.
    (Alberto Casiraghy)
  • Se anche possedessi montagne di denaro, non potresti comprare neanche un’ora aggiuntiva. Che cosa farai con questo tesoro inestimabile?
    Rammenta, devi usarle, poiché ti vengono concesse una sola volta.
    E, se le sprechi, non potrai recuperarle.
    (Nicholas Sparks)

     

  • Da a ogni giornata la possibilità di essere la più bella della tua vita.
    (Mark Twain)

     

  • Ogni giorno dovremmo ascoltare una piccola melodia, leggere una bella poesia, vedere una pittura squisita e, se possibile, dire delle parole sensibili.
    (Goethe)