Leo Gullotta: età, marito, figli, malattia

Leo Gullotta, ospite stasera di Nunzia De Girolamo nello studio di Ciao Maschio, è uno degli attori italiani più famosi. Scopriamo qualche dettaglio in più sulla sua lunghissima carriera e sulla vita privata.

Chi è Leo Gullotta

  • Nome: Salvatore Leopoldo
  • Cognome: Gullotta
  • Data di nascita: 6 gennaio 1946
  • Luogo di nascita: Catania
  • Profilo Instagram: non è presente su questo social
  • Segno zodiacale: Capricorno

Leo Gullotta, che ha da poco compiuto 75 anni, è uno degli attori italiani più famosi. Dopo aver mosso i primi passi nel mondo della recitazione sul palco del Teatro Massimo Bellini della sua città natale, ha dato il via a una carriera all’insegna dei successi.

Il suo esordio al cinema risale al 1971 con il film Lo Voglio Maschio. Da allora è apparso decine di volte sul grande schermo, l’ultima delle quali nel film Il Delitto Mattarella, diretto da Aurelio Grimaldi e dedicato all’omicidio di Piersanti Mattarella, fratello dell’attuale Presidente della Repubblica.

Per quanto riguarda il lavoro sul piccolo schermo, non si può non fare riferimento a serie tv come Cuore Operazione Odissea. Tornando al cinema, non si può non citare la sua presenza nel cast del film di Tornatore Baaria.

Gullotta è anche un ottimo doppiatore e ha prestato la voce a divi del calibro di Joe Pesci e Woody Allen.

Marito

Leo Gullotta ha fatto coming out nel 1995 nel corso di un’intervista al settimanale Rome Gay. Nel 2019, ospite del salotto tv di Io e Te, programma condotto da Pierluigi Diaco, ha dichiarato di essersi unito civilmente l’anno prima al compagno di una vita, al suo fianco da oltre 30 anni.

Sull’identità del marito di Leo Gullotta, che preferisce raccontarsi attraverso ilsuo lavoro di attore, non si sa nulla.

Figli

Leo Gullotta non ha figli.

Malattia

Leo Gullotta ha avuto a che fare con il dramma della malattia di Alzheimer sul grande schermo con il corto Lettere a Mia Figlia, risalente al 2017 e incentrato proprio sulla storia di un uomo che scopre di soffrire della terribile patologia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *