Coltiva questa pianta nel tuo giardino: ecco qual è

Il mondo intero è colmo di bellezza data dalle migliaia di tipi di piante e fiori il pianeta. Ce ne sono sempre da scoprire e sempre tutte belle ed affascinanti. Riempiono di colore e buon umore le nostre vite da sempre.
Compagne dei nostri terrazzi resi posti accoglienti colorati. Oggi vi vogliamo presentare un fiore di rara bellezza e non molto comune e perfetto da coltivare in balcone o in giardino. Parliamo del giglio orientale.

Il giglio orientale:

Il giglio orientale è un meraviglioso fiore che ha origine nell’Asia orientale dove è comune.
Ci regala fiori colorati e grandi e che sprigionano un intenso profumo. E’ formato da sei petali con una varietà di colori che spazia dal giallo al bianco, dal lilla al rosso. Le verdi foglie sono intense ed allungate.

Tipo di terreno e acqua:

Ama l’esposizione al sole e, se rispettiamo questa caratteristica, cresce rigoglioso. Il terreno ideale ha un ph che oscilla tra 6 e 6.5 ma tollera molto bene i terreni neutri. Molto forte con tutte le condizioni climatiche ma predilige un terreno costantemente umido. Per annaffiarlo bisogna inumidire il terreno dove è piantato e bisogna evitare l’acqua diretta sui fiori poichè potrebbero danneggiarsi.

Fioritura:

Fiorisce nel periodo estivo ed i migliori momenti per piantarlo sono in primavera od in autunno. Un’avvertenza per chi ama i gatti e ne apprezza la compagnia. I nostri amici felini è meglio che siano alla larga dal giglio orientale perchè tossica per loro. Alcune sostanze della pianta , se ingerite dai gatti, provocano irritazione e senso di malessere generalizzato. Comunque sarebbe un peccato non concedersi la bellezza che questa pianta ci dona ma doveroso avvisare di questa incompatibilità con i mitici gatti.
Si può ovviare a questo problema ponendoli in un posto inaccessibile per i felini sempre ricordando che, anche se tollera la mezz’ombra, il giglio orientale ama l’esposizione ai raggi solari. Provate a piantarli durante le mezze stagioni e sarete soddisfatti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *