Bonus Irpef da 100 euro: ecco chi può richiederlo e come fare

La condizione dell’economia italiana, unita ai gravi disagi economici causati dalla pandemia da COVID-19, ha fatto sempre più presente nel Paese l’esigenza da parte dei cittadini di ricevere consistenti aiuti per fronteggiare le spese imposte dalla quotidianità. Il Governo dunque provvede annualmente all’indizione di vari bonus, contributi economici a sostegno di varie categorie di soggetti.


Entra gratis nel nostro Canale Telegram

Questi bonus emessi dallo Stato possono essere di vario e tipo e varia durata. Ognuno di essi sottostà alla soddisfazione di determinati requisiti di accesso in termini generalmente di reddito economico. Gli importi sono sempre variabili. E’ il caso ad esempio del bonus Irpef da 100 euro: ecco chi può richiederlo, scopriamo modalità e requisiti utili ad ottenere questo contributo.

Bonus Irpef 100 euro

Il bonus Irpef 2021 è una disposizione governativa che provvede ad elargire un contributo economico di 100 euro mensili a chi dimostra di avere una situazione patrimoniale fino a 28.000 euro di reddito complessivo lordo annuale. Il bonus Irpef 2021 altro non è che l’ex bonus istituito da Renzi in termini di taglio del cuneo fiscale da 1.200 euro annuali. Per intenderci, si tratta di una versione maggiorata delle famose 80 euro di Renzi. La legge di Bilancio 2021 ha prorogato il sussidio di 80 euro istituito da Renzi nel 2014 e ne ha aumentato l’importo a 100 euro mensili a partire già dallo scorso anno, dal 1° luglio 2020. L’importo di massimo di 100 euro al mese scende all’aumentare del reddito. Non incide inoltre ai fini dello stesso calcolo del reddito. Ma quali sono i requisiti per poter richiedere il bonus Irpef 100 euro? Scopriamolo subito nel prossimo paragrafo di questo interessante articolo.

Requisiti

Il bonus Irpef 100 euro 2021 viene riconosciuto ai lavoratori dipendenti che hanno un reddito sotto i 28.000 euro e ai lavoratori dipendenti assimilati incapienti che abbiano un reddito sotto gli 8.145 euro. Il pagamento avviene in maniera diretta da parte del datore di lavoro per cui risulta in busta paga. Viene quindi accreditato in automatico sullo stipendio, previa certamente l’approvazione della richiesta secondo le modalità di presentazione della domanda volute dall’Irpef. I dipendenti pubblici e privati potranno godere del bonus in base al loro reddito secondo questo schema:

  • Per chi ha un reddito tra 26.600 euro e 28.000 euro: 100 euro al mese;
  • Per chi ha un reddito tra 28.000 e 35.000: 80 euro al mese;
  • Per chi ha un reddito tra 35.000 e 40.000 euro: importo decrescente a partire da 80 euro per arrivare a zero euro.

Dal calcolo vanno esclusi il reddito derivante dal patrimonio immobiliare ed eventuali premi. Vanno sommati invece i redditi derivanti da immobili con cedolare secca. In caso di conguaglio e accertamento di redditi tenuti nascosti e non dichiarati ai fini del conseguimento del contributo, potrebbe essere chiesta la restituzione del bonus. Bisogna quindi fare attenzione agli accertamenti e seguire bene le regole per la richiesta del contributo economico.

Chi non ha diritto al bonus

Abbiamo capito chi ha diritto al bonus Irpef 100 euro 2021. Il bonus Irpef 100 euro invece non spetta ai soggetti incapienti ovvero a quelle persone che hanno un reddito sotto le 8000 euro. Sono esclusi inoltre i lavoratori non dipendenti.