I carciofi sono verdure? La risposta lascia tutti senza parole

Col il termine verdura si intende le parti commestibili di un vegetale che può essere sia coltivato sia selvatico ad esempio radici, gambo, fusto, foglie e germogli. Può essere mangiate sia cotto che crudo.

I carciofi sono verdure? La risposta lascia tutti senza parole

Le verdure sono ricche di acqua, contengono pochi carboidrati e pochi lipidi quindi hanno proprietà idratanti ,diuretiche e il loro uso é indicato molto per le diete. Distinguiamo vari tipi di verdura a seconda del colore: verdure verdi come cavolo, zucchine, broccoli, insalata; verdure arancioni come carote e zucca; verdure viola come melanzane e radicchio; verdure bianche come cipolle e patate ; verdure rosse come peperoni.
Per ortaggi invece intendiamo i prodotti dell’orto cioè tutti i vegetali che vengono coltivati.
La differenza tra verdure e ortaggi sta proprio nella loro produzione infatti le verdure vengono coltivate industrialmente e quindi in grandi quantità e vengono sottoposte a molti controlli. Mentre gli ortaggi coltivati in un orto casalingo sono più naturali.
Gli ortaggi vengono distinti a seconda della parte che viene mangiata: fiore come i carciofi, asparagi , cavolfiori, e come pomodori e cetrioli; seme come fagioli , lenticchie o altri legumi; radice come ravanelli, carote, rape e barbabietole; fusto come finocchi, cardo e sedano; foglia come bieta, cavoli, lattuga, radicchio, e spinaci; tubero come patate; bulbo come aglio, scalogno e cipolla.
Il carciofo (Cynara scolymus) è un ortaggio appartenente alla famiglia delle Asteraceae.
Il carciofo grazie alle fibre contenute, é utile per il buon funzionamento dell’intestino , riduce il rischio di cancro al colon e i livelli di colesterolo. Il carciofo è ricco di vitamina B e vitamina K utile per la salute delle ossa e del cervello. Contiene anche potassio, ferro e rame.
Ha un basso contenuto calorico che li rende ideali per ogni tipo di dieta.
Il carciofo però è sconsigliato per le donne in allattamento, per chi soffre di calcoli biliari e per chi è allergico alla famiglia degli Asteraceae.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *