Attenzione al colesterolo: tutti i metodi per capire se è alto

Il colesterolo è uno dei termini medici più utilizzati negli ultimi anni, spesso con connotazioni negative, ma in realtà è una sostanza grassa molto importante per il nostro organismo e può diventare dannosa solo se presente in eccesso nel sangue.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Il corpo umano produce autonomamente la maggior parte del colesterolo essenziale (circa l’80%), mentre ne introduce solo una piccola parte attraverso la dieta ogni giorno; l’equilibrio deve rimanere più o meno lo stesso, quindi, dato il colesterolo totale presente nell’organismo, sufficiente vengono prodotte quantità per compensare la perdita di feci, meno la quantità consumata dalla dieta.

Qualsiasi cellula può sintetizzare il colesterolo, ma in realtà possiamo pensare al fegato come al principale centro di produzione, che assorbe anche il colesterolo. L’aumento dell’assunzione di grassi dal cibo inibisce la produzione endogena e viceversa (feedback negativo).

Il grasso che introduciamo attraverso la nostra dieta viene effettivamente assorbito nell’intestino e poi raggiunge il fegato, quindi il grasso ha bisogno di essere distribuito ad altre parti del corpo per essere utilizzato per la produzione di energia o immagazzinato nelle cellule adipose come riserva di energia.

Va notato che il fegato è anche l’unico organo in grado di eliminare il colesterolo in eccesso.

Il fegato converte il grasso in due tipi di lipidi:

  1. colesterolo,
  2. trigliceridi.

Per distribuire questa moneta di energia in tutto il corpo, colesterolo e trigliceridi sono incorporati in strutture chiamate lipoproteine, che possiamo pensare come un trasportatore.

I tre principali tipi di lipoproteine ​​che l’organismo può utilizzare sono:

  • lipoproteine ​​a densità molto bassa o VLDL,
  • lipoproteine ​​a bassa densità o LDL
  • lipoproteine ​​ad alta densità o HDL.

I problemi sorgono quando l’LDL trasporta più colesterolo di quello necessario alle cellule periferiche, nel qual caso cellule speciali catturano l’LDL e depositano grasso sulle pareti dei vasi sanguigni: un processo chiamato arteriosclerosi delle arterie. Il colesterolo depositato in questo modo può causare il restringimento dei vasi sanguigni, che può portare a infarti e ictus. Questo è il motivo per cui LDL è chiamato colesterolo cattivo. L’HDL, invece, è responsabile della raccolta del colesterolo cattivo e del suo ritorno al fegato, motivo per cui è chiamato colesterolo buono.

Quindi, dovrebbe essere chiaro ora perché non solo il livello di colesterolo totale deve essere conosciuto, ma anche i livelli di HDL e LDL in primo luogo, infatti, il totale alto è solo una preoccupazione se il valore di LDL è troppo alto.

Il colesterolo alto tende ad essere ereditario, ma ci sono molti fattori che possono aumentare il volume circolante che sono inerenti a entrambi gli stili di vita (fattori modificabili).

Stile di vita

Lo stile di vita ha un enorme impatto sul rischio di sviluppare problemi di colesterolo alto e relative complicazioni, ma la buona notizia è che ci sono molti fattori modificabili su cui possiamo intervenire di conseguenza.
Stato di salute
Le persone con ipertensione e diabete spesso hanno anche problemi di colesterolo, che si riscontrano anche nelle seguenti condizioni:

  • problemi ai reni,
  • problemi al fegato,
  • ipotiroidismo.

Il trattamento di queste condizioni spesso migliora anche i livelli di colesterolo nel sangue.

Cura e trattamento

Indipendentemente dal farmaco utilizzato, il primo passo per ridurre i livelli eccessivi di colesterolo è migliorare il proprio stile di vita.

Ciò comprende:

  • migliorare la dieta,
  • aumentare l’attività fisica,
  • recuperare il peso forma,
  • smettere di fumare.

Quando i livelli circolanti non possono essere adeguatamente controllati con queste strategie, i medici considerano i farmaci.