Il segreto sul caffè amaro che un ricercatore ha svelato: ecco perchè dovremmo berlo amaro

Il caffè amaro fa bene alla salute: questo è ciò che dice la scienza riguardo la bevanda più amata dagli italiani. Non importa se il caffè sia preparato con la moka, la macchinetta del bar o sia presentato in cialde. Di fondamentale importanza è capire che il tempo delle condanne è terminato ed è subentrato il momento della riscoperta, ovvero visualizzare la bevanda energizzante con uno sguardo nuovo.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Sì, perché sono state molte – e diverse – le ricerche che si sono condotte in ambito scientifico riguardo le proprietà del caffè amaro e ogni approfondimento è riuscito a scardinare i pregiudizi, insinuando nuove teorie e qualità velate. Dunque, oggi sappiamo di poter bere il caffè amaro a cuor leggero senza doverci preoccupare dei latitanti effetti collaterali.

La giusta quantità di caffè nero

“Bere troppo caffè rende nervosi” si diceva una volta. Ma è davvero così? Secondo i ricercatori sono concesse fino a 5 tazze di caffè amaro al giorno e il quantitativo indicato non causa nessun problema all’organismo. Ognuno, poi, deve essere in grado di regolamentare il consumo secondo il proprio organismo ma la linea di eccesso nel consumo del caffè, in generale, è aumentata.

Si tratta pur sempre di un prodotto eccitante e di conseguenza ognuno si deve regolare da solo. Se non si è avvezzi a consumare più di una tazzina di caffè amaro al giorno non si deve cominciare a berne cinque dall’oggi al domani solo perché la scienza dice che non fa male. Dobbiamo avere cura di integrare il quantitativo qualora ne avessimo la necessità o il desiderio, aumentando la dose un po’ alla volta.

I benefici del caffè amaro

Il caffè amaro è sinonimo di caffè nero è indica la bevanda senza l’aggiunta di zucchero. Per chi non è abituato bere il caffè amaro sembra un’eresia, eppure è una semplice questione di abitudine. Per imparare a bere il caffè nero bisogna diminuire un po’ alla volta il quantitativo di zucchero fino a quando non si sente più la necessità di aggiungerlo, ma anzi si prova una sorta di fastidio nel sentire un’aroma dolce.

Mancando il contenuto glicemico dello zucchero, il caffè diventa un contributo importante nella nostra dieta grazie alla sua capacità di stimolare il dimagrimento. Accelera il metabolismo attraverso il processo della termogenesi aiutando l’organismo a espellere e a non immagazzinare i grassi e i depositi lipidici.

Le ricerche scientifiche hanno portato a scoprire le proprietà antiossidanti della bevanda capaci di contrastare i radicali liberi e il conseguente invecchiamento della pelle. Il caffè amaro, in sostanza, ci rende più belli e anche più felici grazie ai suoi effetti rinvigorenti. Abbiamo già parlato del suo potere energizzante ma sapevi che il caffè amaro riduce del 50% il suicidio?

Abbassa il livello di stress mentale e dona energia, migliorando le facoltà neurali e la risposta agli stimoli intellettuali. Un vero e proprio toccasana che è stato a lungo martirizzato. Finalmente oggi possiamo gustare il caffè nero consci del fatto che stiamo facendo qualcosa di utile al nostro benessere e al nostro umore.