I migliori ortaggi da mangiare per rimanere in salute

Dobbiamo selezionare i migliori ortaggi per rimanere in salute e far sì che il nostro benessere psicofisico sia sempre al top. Ma soprattutto la cosa più importante è selezionare gli ortaggi di stagione, evitando di consumare quelli prodotti in serre o che arrivano da paesi extraeuropei. Il motivo è presto detto: solo in questo modo faremo la nostra parte per combattere l’inquinamento atmosferico e salvaguardare l’ambiente.


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

Inoltre, gli ortaggi cresciuti in serre o portati per mezzo di navi container dall’estero non hanno il sano apporto nutrizionale di cui abbiamo bisogno. Li mangiamo senza ottenere benefici in cambio, ma anzi rischiamo anche di introdurre sostanze nocive utili a garantire alla pianta riparo dalle infestazioni di batteri e parassiti.

Le piante sono protette dalle erbe infestanti e dai parassiti ma a farne le spese è la nostra salute. A volte, poi, rischiamo di comprare dei prodotti che non hanno raggiunto il giusto grado di maturazione e dopo soli pochi giorni di stazionamento nel nostro frigorifero o in un luogo asciutto la verdura inizia presto a marcire. Insomma, evitiamo di commettere errori e acquistiamo solo cibi freschi e magari a chilometro zero.

I migliori ortaggi per mantenere alto il nostro stato di salute

Quali sono gli ortaggi alleati della nostra salute? Tutta la verdura, in generale, favorisce un ottimo apporto di vitamine e minerali ma certe varietà di ortaggi ne garantisce un contributo superiore. Per esempio la scarola, la lattuga così come il radicchio sono delle verdure che usiamo abitualmente nelle nostre tavole, consumandole quasi quotidianamente.

Il loro potere si nasconde nella quantità di fibre capaci di depurare l’organismo svolgendo un vero e proprio effetto detox. Favorendo l’eliminazione di tossine si migliora anche l’aspetto della pelle che appare in salute e rigenerata. Il contenuto di antiossidante poi termina il lavoro favorendo l’elasticità dei tessuti e negli strati più profondi della cute.

I carciofi, invece, sorreggono le funzionalità del fegato favorendo la secrezione della bile. Contengono cinarina e luteolina che combattono il colestorolo e altre sostanze con proprietà lassative e diuretiche. Si possono preparare seguendo varie ricette che abbracciano tutta la tradizione culinaria italiana.

La zucca è una fonte eccellente di vitamina C, che ha azione antiossidante e antinfiammatoria. Favorisce la circolazione sanguigna e aiuta a combattere la ritenzione.

Il topinambur è un ortaggio super saziante. Ha una buona quantità di fibre solubili che rallentano l’assorbimento di zuccheri e grassi e aiutano a calmare il senso di fame. In particolare è ricco di inulina, che grazie alla sua azione prebiotica favorisce l’equilibrio della flora intestinale

La barbabietola rossa può essere consumata cotta o cruda. Fornisce fibre, acqua, minerali e integra nel nostro organismo il triptofano, l’aminoacido precursore della serotonina, attivando il buon umore e un senso di sazietà. In sostanza, mangiando barbabietola ci sentiamo pieni e felici. Cosa desiderare di più?

Gli ultimi tre ortaggi consigliati per le cure dimagranti sono: lo scalogno, ottimo alleato alla dieta, il porro che favorisce la circolazione sanguigna e i cardi, attivatore del fegato e portatore di vitamina C e minerali.