POS obbligatorio, attenzione alle sanzioni: segnatevi questa data

Il POS è un dispositivo che ci permette di pagare tramite carte di credito, carte di debito, prepagate o addirittura il cellulare. È ormai sempre più diffuso, soprattutto perché molte persone hanno abbandonato i soldi cartacei, per sfruttare al meglio i pagamenti elettronici. L’obbligo del POS è ormai alle porte, il quale è stato fatto sia per agevolare questi clienti, sia per cercare di eliminare l’evasione fiscale che si sta sempre più diffondendo. Andiamo quindi a vedere da quando ci sarà l’obbligo del POS in tutti i negozi. 


Leggi anche:[wp-rss-aggregator ]

POS obbligatorio, attenzione alle sanzioni: segnatevi questa data

Tra meno di 10 giorni, cioè il 30 giugno 2022, il POS sarà obbligatorio per tutti. Quest’obbligo vale per tutti coloro che lavorano con il pubblico, cioè sia per i negozianti sia per i liberi professionisti come medici o avvocati. Dal 1 luglio, nessuno si potrà rifiutare di fare una transazione con il POS, anche per un importo minimo. Molte persone come abbiamo già detto, hanno abbandonato i contanti, per usare solo le carte e a volte si trovano in difficoltà perché non possono pagare se l’esercente rifiuta la carta. Rendere il POS obbligatorio è un traguardo, dato che già in passato si è cercato di rendere obbligatorio ma non ci sono riusciti. C’è da dire però che adesso i tempi sono cambiati e molte più persone lo utilizzano. Un motivo più importante è sicuramente l’evasione fiscale, molti negozianti cercando di non fare lo scontrino della vendita così da non pagare tasse, ma questo ovviamente non è possibile per le transazioni con il POS.

La multa è sia per chi non ha il POS, ma anche per chi lo ha ma rifiuta il pagamento con esso. Molti se si tratta di pochi euri, rifiutano di far pagare con la carta di credito. La multa che rischiano è di 30 euro + il 4% dell’importo della spesa.

pos