Talee: ecco le migliori da fare nel periodo di agosto

La biodiversità legata al mondo delle piante è sicuramente una delle realtà più “adattive” del pianta: il mondo “verde” infatti costituisce una categoria di esseri viventi tra le più “antiche” e di grande importanza per il pianeta e per tutte le forme di vita più “giovani”. Buona parte delle piante, anche tra quelle più conosciute e diffuse hanno anche modificato il proprio modo di riprodursi per adattarsi ai più disparati contesti, e il sistema tramite talee è uno dei più sorprendenti ma anche uno dei più semplici, anche se diverse tipologie di piante risultano più adatte da essere “coltivate” in agosto.

Talee agosto talea agosto

Talee: ecco le migliori da fare nel periodo di agosto

Il sistema di riproduzione tramite talea prevede la radicazione e lo sviluppo di una nuova pianta proveniente da una già sviluppata, attraverso un frammento appositamente tagliato e sistemato nel terreno o nell’acqua per rigenerare le parti mancanti, dando così vita ad un nuovo esemplare.

Tra le piante che “conviene” riprodurre tramite talea spiccano le seguenti varietà:

  • lavanda
  • ortensia
  • rosmarino
  • santolina
  • ligustro
  • oleandro
  • pitosporo
  • mirto
  • osmanto
  • rose e rose selvatiche
  • falso gelsomino

In generale è meglio optare per un frammento di ramo più estremo possibile, con una lunghezza non inferiore a 8 centimetri e non superiore a 15 centimetri, avendo l’accortenza di scegliere se possibile un ramo piuttosto resistente. Il taglio deve essere effettuato tramite cesoie in modo neto e pulito, con uno strumento opportunamente pulito e sterlizzato così da evitare possibili infezioni della pianta “madre”.

Le foglie vanno rimosse dalla talea eccezion fatta per quelle delle estremità, che devono rimanere in circa 2-3. Meglio scegliere un terriccio di buona qualità, anche universale. La talea andrà inserita per metà della sua lunghezza compattando leggermente il terriccio intorno alla base, e tenendo quest’ultimo sempre leggermente umido, dopo la prima innaffiatura che deve essere piuttosto generosa.

Nei primi giorni la talea interrata deve restare in un luogo luminoso ma non sotto il sole diretto.

Talee agosto